‘O Zulù’ (99 Posse) per integrazione: da oggi in radio “Il mio nome è Zulù”

Progetto realizzato insieme all’Afro Napoli United e la tifoseria Brigata Spallatella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si chiama “Il mio nome è Zulù” ed è il nuovo singolo di Luca Persico in arte ‘O Zulù’, frontman dei 99 Posse, per il suo attuale progetto da solista “Suonoquesto, suono quello – Quant’ ne vuo’” (Musica Posse/Artist First). La canzone, anticipata dal videoclip disponibile in rete dal 27 febbraio, arriva oggi, 2 marzo, in tutte le radio.

Integrazione e riscatto sociale sono i concetti cardine al centro del videoclip con la regia di Gianluigi Sorrentino. Protagonisti, insieme a ‘O Zulù, l’Afro Napoli United, squadra di calcio multietnica composta da napoletani e migranti, e la tifoseria Brigata Spallatella, che sostiene i propri atleti mantenendo alti i valori dell’antirazzismo e antifascismo. Si offrono, quindi, come esempi virtuosi capaci di mostrare come il gioco del calcio, lo sport in generale, sia strumento efficace non per combattere il razzismo, ma per costruire l’altro, anzi, l’unico mondo possibile: una società multiculturale che è già reale, è già la normalità dell’odierna civiltà.

Cos’è l’Afro-Napoli United

L’Afro-Napoli United è una Cooperativa Sportiva Dilettantistica Sociale, nata come ASD con l’intento di adoperare il principio secondo il quale lo sport può e deve essere, oltre una semplice disciplina per allenare il fisico, anche un veicolo per l’insegnamento di valori sociali ed etici ed un metodo per abbattere i tabù razziali. La squadra di calcio multietnica nasce nell’ottobre 2009, per iniziativa di Antonio Gargiulo, attuale Presidente, e dei senegalesi Sow Hamath e Watt Samba Babaly, con l’obiettivo di combattere la discriminazione e favorire la convivenza paritaria tra napoletani e migranti. Gli atleti provengono da Senegal, Costa D’Avorio, Capo Verde, Niger, Tunisia, Paraguay, Cile e abitano nei quartieri più popolari del centro storico di Napoli: Materdei, Stella, Sanità, Arenaccia. La maggior parte di loro, però, arriva dalla zona della Ferrovia. Molti sono alla ricerca di un’occupazione, alcuni faticano a parlare la nostra lingua. Altri invece sono perfettamente integrati nel tessuto sociale. Nel 2013, per la prima volta, in seguito alla modifica di alcune norme che limitavano l’accesso dei migranti ai campionati federali dilettantistici, la squadra multietnica si è iscritta al Campionato di Terza Categoria della FIGC. Ad oggi l’associazione ha realizzato due squadre di calcio, una che disputa il campionato della Figc e l’altra che partecipa a tornei amatoriali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»