Rossi: “E’ fatta, il pane toscano riconosciuto Dop”

FIRENZE - "Mi fa piacere dirlo qui e dare una notizia: abbiamo ottenuto la Dop del Pane Toscano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Mi fa piacere dirlo qui e dare una notizia: abbiamo ottenuto la Dop del Pane Toscano a livello regionale”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che oggi ha concluso i lavori del convegno “Turismo ed emozioni” organizzato nell’ambito della seconda edizione della Borsa Mercato del lavoro, che si è svolta al Centro congressi di Arezzo. Il presidente della Regione ha partecipato al taglio del nastro dell’iniziativa e si è poi seduto in platea, dove, accanto a rappresentanti delle Istituzioni e del mondo economico, ma anche a tanti giovani, ha ascoltato le testimonianze degli imprenditori-relatori. Al termine della mattinata le sue conclusioni e l’annuncio: “Abbiamo la Dop del pane toscano“.

pane2

È stata la conferma ufficiale di una notizia positiva, che era stata preannunciata, qualche settimana fa sul piano tecnico, in attesa dell’ultimo via libera da Bruxelles, che oggi Rossi ha ricevuto, tanto da comunicare la notizia agli imprenditori e ai rappresentanti istituzionali della città. “Sono certo- ha commentato Rossi- che anche questa Dop che abbiamo ottenuto a livello regionale sarà un altro elemento importante per la valorizzazione turistica della Toscana e delle nostre eccellenze“.

di  Carlandrea Poli, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»