Biosphera 2.0 la casa che si riscalda pedalando

Il modulo abitativo girerà, per la raccolta dati, tutta l'Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

biosphera 2.0 1ROMA – Si chiama Biosphera 2.0 la casa del futuro, un progetto della zero energy generation. 25 metri quadri, provvisto di tutti i servizi necessari, dove è l’uomo e il suo benessere al centro dell’idea. Ideato da Aktivhaus e promosso dal Politecnico di Torino e dall’Università della Valle d’Aosta, Biosphera 2.0 ha trovato la sua prima location a Courmayeur. Una tappa scelta non a caso e alla quale ne seguiranno delle altre nei prossimi 12 mesi. Una casa itinerante – da Aosta a Milano, da Rimini a Torino e Lugano – per completare un monitoraggio ambientale e fisiologico finalizzato a testare l’autonomia energetica e il benessere delle 20 persone che vi abiteranno.

“E’ un organismo nato – ha spiegato Mirko Taglietti, ceo di Aktivhaus – per proteggere l’individuo che lo abita. Sarà osservato il benessere che deriva da vari parametri fisici”. I test prevedono i -17 gradi ai piedi del Monte Bianco in inverno e i +39 gradi sulla riviera adriatica in estate, ma anche prove urbane sull’inquinamento in metropoli come Milano e Torino.

biosphera 2.0 2

Il progetto ha richiesto un investimento di 250 mila euro e l’impegno di 30 ricercatori, dal 2014, provenienti da diversi ateni italiani. Allo studio hanno partecipato anche i ricercatori Guido Callegari (PoliTo) e Giuseppe Barbiero (UniVda). “L’aspetto più innovativo – ha detto Barbiero – è la cura della biofilia, ovvero il rapporto tra uomo e contesto esterno. La sperimentazione si propone, infatti, di studiare l’intelligenza naturalistica dell’abitante del modulo e di calibrare i valori per raggiungere il massimo benessere”.

biosphera 2.0 3

Un modulo abitativo autosufficiente – cioè che non ricorre a rete energetiche esterne – in qualunque condizione ambientale e climatica. Il clima interno oscillerà tra i tra i 21 gradi in inverno e i 25 in estate. “In caso la temperatura si abbassasse – ha spiegato Taglietti – sarà possibile usare il corpo umano per uno scambio di energia e con un’ora di cyclette si può alzare di due gradi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»