Regione. Oggi Giunta territoriale a Brindisi, Emiliano: “Avvicinare nostra attività ai territori”

BRINDISI - La Giunta regionale si riunisce oggi, mercoledì 2 marzo,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

emilianoBRINDISI – La Giunta regionale si riunisce oggi, mercoledì 2 marzo, a Brindisi, presso il palazzo della Provincia, in via De Leo 3. Si tratta di una Giunta territoriale, durate la quale il presidente Michele Emiliano e gli assessori incontreranno i rappresentanti istituzionali locali e le forze sociali per esaminare le varie problematiche e le proposte a livello provinciale. La seduta è trasmessa in diretta streaming su www.regione.puglia.it.

   “Dopo la prima giunta territoriale che abbiamo riunito a Taranto- dichiara il presidente Emiliano – adesso è la volta di ascoltare i principali attori della provincia di Brindisi. Avvicinare l’attività della Giunta ai territori è stato un preciso impegno preso durante la campagna elettorale. Il percorso va avanti e proseguirà per tutto il mandato coinvolgendo tutte le province. Mantenere un filo diretto con le comunità, recarsi nei diversi luoghi per parlare di temi e questioni specifiche, accorciare le distanze tra assessori regionali e istituzioni locali sono elementi che caratterizzano questa amministrazione regionale”.
   Presenti tutti i componenti della Giunta Regionale, tutti i capi Dipartimento e sono stati invitati tutti i Consiglieri Regionali e i Parlamentari brindisini. Parteciperanno il Presidente della Giunta provinciale e i consiglieri, oltre a numerosi sindaci, i sindacati e Confindustria e delegazioni di numerose associazioni.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»