Roma, Pivetti: “Al via il mio lavoro per la campagna elettorale”

L'ex presidente della Camera ha raccolto 3495 preferenze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dalla Chiesa_Pivetti

ROMA – Forte delle 3.495 preferenze ottenute ai gazebo della Lega organizzati a Roma sabato e domenica, Irene Pivetti rompe gli indugi e decide di avviare la macchina elettorale per la sua candidatura a sindaco di Roma. Lo fa sapere la stessa ex presidente della Camera sulla pagina Facebook Irene Pivetti candidata sindaco di Roma: “Un primo passo è stato fatto grazie al vostro aiuto- ha scritto- Arrivare seconda con quasi 3500 preferenze in 36 ore senza alcuna preparazione è stato un grande successo ed un grande regalo da parte vostra! Ora inizia il vero lavoro di organizzazione della campagna elettorale. Chiedo aiuto a coloro che mi stimano e credono che io possa ricoprire un ruolo tanto serio ed importante. Vi chiedo di condividere il mio appello. Scrivetemi su questa pagina raccontandomi i vostri problemi e segnalandomi le varie problematiche che affrontate tutti i giorni nella nostra città. Censirò ogni messaggio e raccoglierò tutte le istanze per capire come poter intervenire. Grazie per il vostro sostegno. Irene P”. Sulla stessa pagina Facebook sono pubblicati i risultati delle consultazioni dei gazebo del Carroccio, “Per Roma ora parli tu”: Alfio Marchini 4534, Irene Pivetti 3495, Francesco Storace 3069, Guido Bertolaso 2203, Giorgia Meloni 955 e Souad Sbai 508.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»