hamburger menu

Berlusconi: “Alle prossime elezioni il centrodestra dovrà essere profondamente rinnovato”

Il leader di Forza Italia vede i vertici del partito e spiega: "Continueremo a essere il perno della coalizione che si contrappone alla sinistra"

silvio berlusconi matteo salvini giorgia meloni

ROMA – “Forza Italia è impegnata, insieme con le altre sigle di centro, per rafforzare l’area centrale di un centrodestra che è ancora oggi per i sondaggi la prima scelta degli italiani, la coalizione che governa la maggior parte delle Regioni e centinaia di Comuni”. Così in una nota Silvio Berlusconi, al termine di una riunione con il coordinatore nazionale Antonio Tajani e con i capigruppo Annamaria Bernini e Paolo Barelli.

LEGGI ANCHE: Centrodestra, Salvini: “Lega compatta, se coalizione è divisa si ricostruisce. Meloni? Non rispondo alle provocazioni”

“Oggi siamo pronti per la nuova sfida dentro al centrodestra – ha aggiunto il leader forzista -, per affrontare al meglio i prossimi appuntamenti elettorali: saremo il cuore di un centrodestra che si dovrà presentare alle prossime elezioni profondamente rinnovato. Forza Italia è il partito che, con la sua fondazione, ha consentito la nascita del centrodestra. È stato e continuerà ad essere il perno della coalizione che si contrappone alla sinistra. Il centrodestra che abbiamo come orizzonte strategico è saldamente ancorato ai valori del Ppe: europeista, atlantista, garantista, cattolico e liberale”.

LEGGI ANCHE: Centrodestra in frantumi, Gelmini attacca: “Fratelli d’Italia rincorre il consenso, noi lavoriamo per l’interesse nazionale”

I COMPLIMENTI AI DIRIGENTI FORZISTI SUL QUIRINALE

In un passaggio del comunicato, Berlusconi torna anche sul tema del Quirinale e fa sapere: “Ho ringraziato e mi sono complimentato con i dirigenti nazionali di Forza Italia per come hanno gestito le scorse settimane, un passaggio molto delicato per la Repubblica“.

LEGGI ANCHE: Centrodestra, torna la ‘federazione’: Salvini come Reguzzoni

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-02T20:30:14+02:00

Ti potrebbe interessare: