hamburger menu

VIDEO | Residenza d’artista a Napoli per la poetessa visiva Sevana Holst

La scrittrice franco-americana ha vinto il premio speciale dell'edizione 2021 di ReA! Art Fair

sevana-min

NAPOLI – “A Napoli la mia ricerca si concentrerà sul posto della parola, sulla sua utilizzazione nello spazio pubblico. Vorrei fare un lavoro di osservazione e documentazione e poi di intervento in questo spazio. Spero di approfondire la mia domanda sui limiti della parola e su come vengono utilizzate le lettere. Sono anche felice di esplorare Napoli, una nuova città per me”. Così alla Dire Sevana Holst, scrittrice e poetessa visiva franco-americana, che sarà protagonista dal 15 al 25 febbraio della residenza d’artista ‘Look Forward’ in quanto vincitrice del premio speciale dell’edizione 2021 di ReA! Art Fair.

La residenza si terrà nello spazio di art-residency napoletano SuperOtium, focalizzato sulle culture contemporanee, con il sostegno e la collaborazione di Silent Art Explorer, progetto a supporto dei talenti emergenti dell’arte co-fondato dal collezionista emergente Giulio Raffaele e da Aurora Rossini, professionista della comunicazione. Holst – selezionata dal comitato scientifico di ReA! Arte, Silent Art Explorer, SuperOtium e dalla gallerista Tiziana Di Caro – avrà la missione di rispondere alla domanda ‘qual è la tua visione futura della Napoli contemporanea?’: questo sarà il leitmotiv che guiderà le varie attività previste durante la residenza che porteranno l’artista ad esplorare il territorio partenopeo.

Per farlo la 24enne franco-americana avrà a disposizione anche dei tour curati da SuperOtium e da altre realtà culturali locali per incontrare artigiani, gallerie, musei, istituzioni artistiche, studi d’artista e spazi indipendenti. Al centro dell’interesse di Holst, spiega la stessa artista, “c’è la relazione tra la parola, il suo significato e la sua rappresentazione fisica. Voglio scoprire i limiti della pagina e dell’estetica che possono esistere in questo spazio e mi piace farlo usando soltanto mezzi semplici e poveri facendo un mix di lingue con l’inglese ed il francese. Il gioco tra poesia o letteratura e visuale artistica permette di desacralizzare entrambe le cose e oggi è molto importante farlo”.

Per il lancio della residenza l’appuntamento è con un evento pubblico in programma da SuperOtium il 18 febbraio alle 18, occasione in cui sarà presente una selezione dei lavori dell’artista che resteranno in mostra fino al 25 marzo. La chiusura è prevista il 24 febbraio alle 10 con un confronto pubblico con le realtà del territorio.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-02T16:29:19+02:00