Vanessa Incontrada testimonial curvy per Dolce e Gabbana

Un tributo a Rubens per lanciare la 'size extension', l'estensione della collezione di abbigliamento alle taglie forti fino alla 54 italiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Capelli intrecciati con fili di perle, scollature ampie che scoprono le spalle, colori caldi e stampe floreali, rasi dai toni pastello per scarpe e pochette arricchite da grandi pietre a contrasto. Sullo sfondo drappi di velluto dai quali si affacciano affreschi di paesaggi, vasi che traboccano fiori e frutta. La campagna social lanciata da Dolce e Gabbana per la presentazione della ‘size extension’, l’estensione della collezione di abbigliamento alle taglie forti fino alla 54 italiana, è “un tributo a Peter Paul Rubens, che ha sempre esaltato la bellezza femminile attraverso il movimento, i giochi di luce e i dettagli”, come si legge nella didascalia di una delle foto. Musa della campagna è Vanessa Incontrada, già testimonial di case di moda per donne ‘curvy’ e da tempo impegnata contro gli stereotipi della bellezza femminile. Cinque scatti pubblicati su Instagram e accompagnati da didascalie che sottolineano l’ispirazione alle atmosfere barocche di Rubens: morbidezza, delicatezza, grazia, romanticismo sono i termini utilizzati per descrivere le scene in cui la Incontrada appare come una dea. La modella e presentatrice spagnola ha rilanciato gli scatti sul proprio canale IG ringraziando Domenico Dolce e Stefano Gabbana per il “sogno”, la “favola”e la “magia” vissuti insieme. (foto Instagram @DolceeGabbana)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»