Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pomigliano d’Arco, contro i roghi nella Terra dei Fuochi donate 30 telecamere

sergio costa a pomigliano_consegna telecamere (1)
La consegna è avvenuta questa mattina alla presenza del ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Tutte questo serve per presidiare i territori e per distinguere i cittadini perbene dagli ecocriminali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI –  Il ministero dell’Ambiente ha donato trenta telecamere al comune di Pomigliano d’Arco (Napoli) per controllare gli sversamenti di rifiuti, fenomeno da cui partono i roghi tossici che attanagliano la cosiddetta Terra dei Fuochi. La consegna è avvenuta questa mattina alla presenza del ministro dell’Ambiente Sergio Costa, accompagnato dalla vicepresidente del Consiglio regionale della Campania Valeria Ciarambino e dal deputato Salvatore Micillo che hanno incontrato il sindaco di Pomigliano d’Arco Gianluca Del Mastro e visitato la nuova centrale operativa dei vigili urbani.

Il progetto fa parte di un protocollo che è stato sottoscritto anche dal ministero dell’Interno e dalle prefetture di Napoli e Caserta “con l’obiettivo – ha detto Costa – di controllare i siti maggiormente ‘aggrediti’ dal punto di vista ambientale”. Il ministro ha invitato gli altri Comuni della Terra dei Fuochi a fare una istanza per ricevere le telecamere di videosorveglianza come accaduto a Pomigliano d’Arco, dove i 30 occhi elettronici sostituiranno alcune delle 130 telecamere già presenti sul territorio ma non funzionanti. “In cambio – ha sottolineato il titolare dell’Ambiente – chiedo un’attenzione particolare per controllare le telecamere, che mai più devono essere spente, e per pattugliare il territorio. Tutto questo serve per presidiare i territori, ma soprattutto per distinguere quella stragrande maggioranza di cittadini perbene dagli ecocriminali che, in quanto tali, vanno trattati da criminali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»