Migranti, anche il sindaco di Marsala accoglie l’appello: “Città testimonino dramma Balcani”

gelo_inverno_neve_freddo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Anche Marsala “fa proprio l’appello dell’Agenzia stampa ‘Dire‘ riguardo alla necessità che le città italiane ed europee si facciano testimoni di quanto sta succedendo ai migranti lungo la rotta dei Balcani”. Lo annuncia la pagina istituzionale del Comune siciliano che dunque si aggiunge alle prese di posizione analoghe maturate fin qui a Firenze e a Bologna.

LEGGI ANCHE: Firenze e Bologna accolgono il nostro appello: sì, mostriamo il dramma Balcani

“Intere popolazioni vengono bloccate e poi rinchiuse in campi che per condizioni igienico sanitarie e assistenza sono dei veri e propri campi di concentramento”, afferma il sindaco Massimo Grillo. “Ci arrivano immagini di donne, anziani e bambini, anche portatori di handicap, allo stremo. Una situazione insostenibile che si sta aggravando ancor di più a causa della pandemia che ha portato le comunità nazionali a spostare l’attenzione sull’emergenza sanitaria. Immagini che ci offendono- continua il sindaco Grillo- e che ci ricordano il monito di Papa Francesco rispetto alla necessità di rivedere il nostro stile di vita concentrato sull’egoismo e il consumo che fa prevalere ‘una cultura dello scarto’ in cui i più deboli e sfortunati vengono abbandonati a sé stessi”. Dunque, “da italiani ed europei tutto ciò non può lasciarci indifferenti. E da primo cittadino di Marsala, città culturalmente e geograficamente al centro del Mediterraneo, accolgo l’appello fatto da ‘Dire’ ai Comuni, affinché si facciano primi promotori di una campagna di sensibilizzazione e di azioni concrete per aiutare queste popolazioni che soffrono dimenticate a pochi chilometri da noi”.

LEGGI ANCHE: Care città, fateci vedere (di più) il dramma dei Balcani

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»