Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Facebook, una famiglia di due miliardi di persone

Con gli utenti crescono anche gli utili. Il titolo di Zuckerberg vola in Borsa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Facebook tocca quota 1,86 miliardi di persone diventando, così, la più grande “famiglia” al mondo. Smentendo tutti i critici che lo volevano ormai superato, il social di Mark Zuckerberg dimostra, in realtà, una vitalità senza precedenti.

Facebook, utenti e valore in continua ascesa

Al 31 dicembre 2016 la famiglia di Facebook contava oltre un 1,86 miliardi di persone. Una crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente di ben il 17%. Membri che non disdegnano qualunque mezzo tecnologico per postare, chattare e informarsi. Oltre 1,23 miliardi controllano, infatti, quotidianamente, il social dal proprio pc mentre sono quasi due quelli che vi accedono da mobile. Per la precisione si contano 1,74 miliardi dispositivi mobili connessi al giorno. Numeri da capogiro che si riflettono sui conti della società. Solo nell’ultimo quarto trimestre, infatti, i ricavi sono balzati in avanti del 51%. Il che tradotto in moneta sonante vuol dire ricavi per quasi 9 miliardi di dollari.

Facebook, Mark Zuckerberg: la nostra mission connettere il mondo

“La nostra missione – ha spiegato il patron di Facebook – di connettere il mondo è adesso più importante che mai e abbiamo ancora molto lavoro da fare per unire la gente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»