Regioni. Ceriscioli: “Centro più solido, ma in Adriatica saremmo leader”

ANCONA - Tra Regione del centro Italia e regione Adriatica il presidente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ceriscioli_luca_r439_thumb400x275ANCONA – Tra Regione del centro Italia e regione Adriatica il presidente delle Marche Luca Ceriscioli non ha ancora scelto. Per i marchigiani Toscana e Umbria hanno più appeal di Abruzzo e Molise ma il peso politico sarebbe minore nella prima aggregazione.

Ecco perchè il Governatore porta avanti entrambe le strategie. Domani vedrà il presidente dell’Abruzzo D’Alfonso e giovedì quelli di Toscana e Umbria Rossi e Marini.

Nell’asse Adriatico è evidente che le Marche potrebbero avere un ruolo guida ed essere la Regione trainante del progetto- premette alla ”Dire” Ceriscioli-. Nel Centro Italia dovremmo invece confrontarci con un peso massimo come la Toscana. Una Regione solida anche da un punto di vista finanziario. A cui però spetterebbe il ruolo guida. Al di là di questo si tratta di ragionare su come costruire sinergie e percorsi comuni per migliorare i servizi e ridurre i costi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»