Unioni civili, disarmo ‘difficile’ tra Lega e Pd: per ora l’emendamento ‘canguro’ resta

ROMA - Disarmo difficile tra Pd e Lega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

unioni civili romaROMA – Disarmo difficile tra Pd e Lega sulle unioni civili. I democratici, si apprende da fonti parlamentari, attendono di vedere se la Lega ritirera’ i 4.500 emendamenti alle unioni civili, prima di ritirare a sua volta l’emendamento canguro a firma di Marcucci. Dal punto di vista tecnico, il ‘disarmo bilaterale’ dovrebbe avvenire tramite lettera, indirizzata dai firmatari degli emendamenti al presidente Grasso.

Per il Pd basta la firma del solo Marcucci. Per la Lega devono firmare tutti i firmatari dei 4.500 emendamenti. E in ogni caso i dem vogliono vedere prima la missiva dei leghisti. Dall’altro lato, la Lega Nord chiede garanzie sui 500 emendamenti superstiti. La maggioranza dovrebbe dare garanzie per la discussione e il voto. Ma anche su questo fronte il Pd intende vederci chiaro: quali emendamenti resteranno? E cosa comportano? E cosa significa ‘garanzie’? Dalle parti del Pd, la prudenza e’ d’obbligo. E il motto e’ in puro stile Calderoli: ‘prima vedere cammello…’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»