Morto a 90 anni Marco Formentini, primo sindaco leghista di Milano

Il ricordo degli amici Roberto Calderoli e Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – É morto all’età di 90 anni Marco Formentini, già sindaco di Milano dal ’93 al ’97 ed unico esponente della Lega Nord a dirigere Palazzo Marino.

CALDEROLI: PIANGO AMICO, MI HA INSEGNATO A FARE POLITICA

“Piango la scomparsa dell’amico Marco Formentini. Una persona che conoscevo e apprezzavo da piu’ di trent’anni: e’ stato il mio primo capogruppo alla Camera dei Deputati, per un anno, prima di diventare il sindaco di Milano, ma e’ stato anche un amico. Mi era spiaciuto molto quando aveva scelto di lasciare la Lega per passare con la Margherita ma per me restera’ sempre uno di quelli, insieme a Umberto Bossi, che mi ha insegnato a fare politica e a viverla con impegno e passione”. Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato.

SALVINI: PROTEGGI NOSTRA MILANO E NOSTRA ITALIA DA LASSÙ

“Buon viaggio Marco, primo sindaco leghista di Milano, uomo onesto, coraggioso, concreto e generoso. Proteggi la nostra Milano e la nostra Italia da lassu'”. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo scrive su Twitter, a proposito della morte di Marco Formentini.

GRIMOLDI (LEGA): LO RICORDIAMO COME UN GRANDE SINDACO

“Tutta la Lega Lombarda piange la scomparsa di Marco Formentini, che restera’ per sempre nella memoria di ognuno di noi per essere stato il primo sindaco leghista di Milano, un grande sindaco che ha fatto grandi cose per la sua citta’, e un combattente sempre in prima linea nelle battaglie per il federalismo”. Lo dichiara Paolo Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Lombarda Salvini Premier.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»