Covid, sale a 100 il numero dei medici deceduti nella seconda ondata

Anelli (Fnomceo): "Vaccino miglior dpi, somministrarlo in fretta a tutti i medici"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Salgono a cento i medici trascinati via dalla seconda ondata di CoViD-19: le ultime vittime sono Maurizio Gasparini, internista in pensione ora attivo come Odontoiatra, di Verbano Cusio Ossola, e Vincenzo Scarabeo, fisiatra di Isernia. A darne oggi comunicazione alla Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, i presidenti dei relativi Ordini, Daniele Passerini e Fernando Crudele. Ieri, il nuovo anno si era aperto con la notizia della morte di Enrico Pansini, medico di famiglia e cardiologo di Molfetta (Bari) e Gilberto Forioli, medico di medicina generale e specialista in oftalmologia, di Brescia. Salgono cosi’ a 279 i medici vittima del CoViD, ricordati sul Memoriale del sito Fnomceo.

Penso che si debba accelerare il processo di vaccinazione di tutti i medici, compresi i medici convenzionati e i liberi professionisti, tra cui gli Odontoiatri- afferma il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli- Il vaccino rappresenta oggi il piu’ potente DPI, dispositivo di protezione individuale, e va fornito a tutti i medici, che hanno pagato il prezzo piu’ alto in questa pandemia”.

Ogni morte “rappresenta per noi una doppia sconfitta: un annientamento a livello umano, per il dolore che sempre la accompagna, e una perdita per tutto il Servizio sanitario nazionale- continua Anelli- Sinora il sistema di sicurezza non ha protetto adeguatamente gli operatori sanitari: riponiamo adesso le nostre speranze nel vaccino, arma che veramente puo’ sconfiggere il virus”.

“Ribadiamo la disponibilita’ dei Medici e degli Odontoiatri a ricevere il vaccino e a somministrarlo- conclude Anelli- Questa disponibilita’ va ora recepita, in modo da poter moltiplicare i punti di vaccinazione e, di conseguenza, di aumentare in maniera esponenziale il numero dei vaccinati“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»