hamburger menu

A Cesena riescono a ‘ridare’ la voce: i primi interventi per pazienti con paralisi delle corde vocali

I pazienti che presentano la paralisi di una corda vocale manifestano importanti problemi di voce e spesso anche di deglutizione di liquidi

Pubblicato:01-12-2023 13:53
Ultimo aggiornamento:01-12-2023 13:55
Canale: Sanità
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

CESENA – Recuperare la voce in sala operatoria. Sono stati eseguiti con successo dall’equipe dell’Unità operativa di Otorinolaringoiatria dell’ospedale Bufalini di Cesena i primi due interventi in Italia di posizionamento di una nuova protesi per il recupero della voce in pazienti affetti da paralisi cordale. “I pazienti che presentano la paralisi di una corda vocale manifestano importanti problemi di voce e spesso anche di deglutizione di liquidi”, ricordano i medici. L’innovativa protesi utilizzata dagli specialisti del reparto cesenate diretto da Massimo Magnani, “è un dispositivo di nuova concezione che rivoluziona il trattamento di queste patologie e consente il recupero pressoché completo della voce e della deglutizione. Questo nuovo impianto protesico, indicato per specifici pazienti selezionati, consente infatti, mediante una struttura in parte pneumatica di ristabilire il corretto posizionamento delle corde vocali“, racconta l’Ausl Romagna.

A portare a termine nei giorni scorsi i due impianti è stato Marco Stacchini, otorinolaringoiatra dell’equipe cesenate nonché responsabile per la gestione delle protesi fonatorie dell’Ausl Romagna, sotto la supervisione di Guan-Min Ho Floyd dell’Università di Medicina di Vienna, ideatore e sviluppatore della protesi. Anche in questi casi, sottolinea Stacchini, la tecnica anestesiologica “è stata fondamentale per il buon esito degli interventi, poiché i pazienti devono essere operati in uno stato di semi-veglia per poter monitorare la voce durante l’intervento“. I risultati post operatori dei due trattamenti chirurgici “sono stati eccellenti, portando nuove speranze ai pazienti affetti dai disturbi di voce e deglutizione conseguenti a paralisi delle corde vocali”, afferma Stacchini. Per il reparto cesenate che annualmente conta circa 1.000 interventi chirurgici, di cui almeno 200 per il trattamento delle corde vocali sia per patologia benigna che maligna, “si tratta di un nuovo importante passo avanti, a conferma dell’alto livello di specializzazione raggiunto in questo settore”, sottolinea infine l’Ausl Romagna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-01T13:55:21+01:00