hamburger menu

Chalamet è il giovane Wonka: “Inseguiamo i sogni, non facciamoci fermare dai no”

‘Wonka’ di Paul King debutta il 14 dicembre nelle sale con Warner Bros. Pictures. L'incontro virtuale con il cast

Pubblicato:01-12-2023 13:06
Ultimo aggiornamento:01-12-2023 15:42
Canale: Spettacolo
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Ogni cosa bella nel mondo inizia da un sogno. L’aspetto che più mi piace di questa storia è l’attitudine positiva e ottimista che ha il giovane Willy Wonka, lui non prende un ‘no’ come risposta e non intende rinunciare ai suoi sogni. Non avrei mai immaginato di interpretare un progetto come questo, è stata una sfida bellissima”. A dirlo è Timothée Chalamet, tra i giovani attori più talentuosi di Hollywood, in occasione della conferenza stampa internazionale di ‘Wonka’ scritto e diretto da Paul King (‘Paddington’).

Dopo ‘Chiamami col tuo nome’, ‘Dune’ e ‘Bones and All’, solo per citarne alcuni, l’attore ha sperimentato per la prima volta il canto e il ballo per interpretare il giovane Wonka nella origin story che racconta di come sia diventato il più grande inventore, mago e cioccolataio del mondo. La storia “è ambientata 25 anni prima di ‘Willy Wonka e la fabbrica del cioccolato’. Il protagonista è un giovane uomo che fa i suoi primi passi nel mondo con ottimismo e grandi idee. Però si ritrova in un mondo che non è positivo e accogliente come aveva sperato, ma è convinto di poter cambiare le cose”, ha raccontato il regista, che ha scritto il film insieme a Simon Farnaby.

Non è la prima volta che l’iconico personaggio nato dalla penna di Roald Dahl viene raccontato sul grande schermo. Gene Wilder lo ha interpretato nel 1971 nel film di Mel Stuart e Johnny Depp nel 2005 nel film di Tim Burton.

Dal 14 dicembre nelle sale con Warner Bros. Pictures, ‘Wonka’ – tra i film più attesi – mescola magia, musica, canto, umorismo, paesaggi coloratissimi fatti di zucchero e cioccolato per raccontare il passato drammatico, il presente pieno di ostacoli e sorprese dopo tante difficoltà del protagonista. “’Wonka’ è un film sulla famiglia sia quella d’origine che quella che ci scegliamo lungo il nostro percorso di vita”, ha detto King. Willy Wonka, da un ruolo iconico derivano tante responsabilità e timori. “Ero intimidito perché questo è un personaggio amatissimo e quando ci si trova davanti a un progetto del genere hai una grande responsabilità. Ma la sceneggiatura brillante di Paul e i miei colleghi mi hanno permesso di lasciarmi andare e di godermi questa esperienza”, ha ricordato Chalamet, che ritornerà al cinema nei prossimi mesi in ‘Dune – Parte 2’ e nei panni di Bob Dylan.

Ad accompagnare Chalamet in questa avventura un cast che regala performance irresistibili a partire da Olivia Colman e Hugh Grant in versione Umpa Lumpa (le piccole creature amanti del cacao create da Roald Dahl). Ma anche Calah Lane, Sally Hawkins, Keegan-Michael Key, Rowan Atkinson, Paterson Joseph e Mathew Baynton.

Dopo una perdita dolorosa, Wonka arriva in una città europea immaginaria. Qui vuole realizzare i suoi sogni, ma il suo irrefrenabile ottimismo si scontra con quello di tre invidiosi cioccolatai. Ad aiutarlo un gruppo di amici, che lavorano in una pensione e lavanderia, gestita dalla perfida Mrs Scrubitt (Colman). “È stato davvero divertente interpretare una cattiva. Inoltre, volevo lavorare con Paul King e ammetto di essere una grande fan di Timmy (il nomignolo di Chalamet, ndr)”, ha raccontato l’attrice premio Oscar.

Per Hugh Grant, che torna a lavorare con Paul King dopo ‘Paddington 2’, è stata “un’esperienza pessima perché ho dovuto recitare gran parte del ruolo in motion capture. Ti mettono una specie di corona di spine molto fastidiosa e poi ti legano al corpo una serie di aggeggi, e 16 telecamere. Ho fatto del mio meglio”, ha raccontato l’attore con ironia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-01T15:42:00+01:00