Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gkn, operai sotto la prefettura di Firenze: “Ennesimo raggiro al territorio”

L'ira della Fiom contro le istituzioni: "Incontro sparito, Governo e Regione dicano perché"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Il film è semplice: questo è l’ennesimo raggiro verso il territorio”. Dario Salvetti, delegato Rsu in Gkn e membro del Collettivo di fabbrica lo dice senza mezzi termini prima di salire le scale della prefettura di Firenze. Lo spiega in mezzo ai lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio, tornati a protestare dopo che l’azienda ha manifestato la volontà di far ripartire la procedura di licenziamento collettivo. E lo sottolinea rendendo tutta la rabbia dei lavoratori per l’incontro con l’advisor scelto dalla società guidata dal fondo inglese Merlose che ha cambiato forma e metodo: non più in presenza ma da remoto. Un sentimento diffuso tra le tute blu, che tra i cori e fumogeni, srotolano uno striscione chiaro: “La commedia è finita”.

LEGGI ANCHE: Il Collettivo di fabbrica Gkn: “Azienda riapre i licenziamenti, istituzioni hanno perso tempo”

Ieri sera avevamo un incontro, oggi non c’è più. Improvvisamente abbiamo un incontro da remoto e non sappiamo perché. Quello che ci appare chiaro è che sopra la nostra testa ci siano delle trame”. Così “chi si vuole tirare fuori da queste trame faccia delle dichiarazioni ufficiali e atti concreti, perché sennò per noi sono tutti complici e coinvolti in un potenziale raggiro verso il territorio“.

Adesso, quindi, “siamo qua sotto la pioggia. Ci devono dare il piano di reindustrializzazione, quello che dicono che hanno approntato da inizio novembre, ma che non ci viene mai fatto vedere perché forse a Gkn interessa solo trovare una giustificazione morale per far ripartire la procedura di licenziamento e per estorcere una cassa integrazione per cessata attività allo Stato e ai sindacati”.

Salvetti, quindi, osserva che “questi giochetti, compratore sì, compratore no, incontro sì, incontro no, li abbiamo già visti in tante altre vertenze e sappiamo per esperienza che possono andare avanti anche anni. Per quanto ci riguarda, però, non devono andare avanti nemmeno qualche ora, perché qui si sta giocando a nascondino con questo piano di reindustrializzazione. E a noi sembra che il vero punto sia quello di portarci a un tavolo dove l’unica discussione sia quella sulla cassa integrazione per cessazione di attività, che è qualcosa di oltraggioso nei nostri confronti, della società e dello Stato”.

L’azienda, conclude, “può ripartire a produrre in qualsiasi momento, per questo vogliamo prima vedere il piano di reindustrializzazione e delle garanzie serie”, ovvero “regole di ingaggio chiare per un vero tavolo, che non può essere un ricatto. A quel punto si inizia la discussione, tuttavia, ogni volta che facciamo queste richieste guarda caso il tavolo sparisce”.

IRA FIOM: INCONTRO SPARITO, GOVERNO E REGIONE DICANO PERCHÉ

Su Gkn “c’è un problema istituzionale: governo e Regione Toscana ci devono dire cosa sta succedendo“. Michele De Palma, della nazionale Fiom-Cgil e responsabile del comparto automotive, è letteralmente furioso. Sotto la prefettura di Firenze, dove i lavoratori stanno dando vita a un nuovo presidio, è un fiume in piena: “La Fiom nazionale, provinciale e regionale è qui. E’ stato convocato un incontro, fatto poi saltare stanotte. E noi, stanotte, al ministero abbiamo chiesto se siano fuori di testa. Cioè, si mettono d’accordo loro con la Regione e poi l’incontro sparisce? Non esiste un comportamento del genere, infatti sono qua perché dopo che è saltato andiamo a dire al prefetto che c’è un problema. Non si possono trattare così il sindacato e i lavoratori”.

Dopo l’ultimo tavolo al Mise, continua, “ci hanno detto che ci avrebbero riconvocato. Ma questo non è successo. Ieri è stato convocato il tavolo regionale, in una sede istituzionale, dopo che abbiamo chiesto per l’ennesima volta di conoscere le eventuali proposte” dell’advisor nominato dalla società. “E dalla sera alla mattina salta il tavolo? Non possiamo trovarci a inseguire tavoli che compaiono e scompaiono sulla base di non si sa quale regione”.

De Palma, quindi, si sofferma sulla nuova procedura di licenziamento, strada imboccata nuovamente dall’azienda. “Volevano licenziare prima e non l’hanno potuto fare perché abbiamo vinto l’articolo 28” in tribunale. “Ora stanno semplicemente tentando di rimettere in piedi lo stesso meccanismo di prima. Ma finora le istituzioni cosa hanno fatto per impedirlo? Siamo noi che abbiamo fatto le proposte, a Invitalia, al governo”.

Oggi, aggiunge Daniele Calosi, segretario della Fiom di Firenze, Prato e Pistoia, “è successo un fatto per noi senza precedenti. Ieri abbiamo fissato direttamente con i vertici della Regione, della Città metropolitana e del Comune di Campi Bisenzio un incontro con l’advisor. Nella notte qualcuno ha cambiato idea, non il sindacato e neppure i lavoratori. E stamani per mail ci è stato comunicato che questo incontro non c’era più”, rimandando tutto a domani (alle 18) “al ministero (da remoto, ndr), anche con l’azienda. Ma noi volevamo parlare con l’advisor per capire la verità di questi piani industriali“. Ad ora, “sembra che oggi pomeriggio, alle 15.30, ci sia un incontro” con l’advisor sempre in video.

Per quel che riguarda il tavolo al Mise, infine, Calosi avverte: “Se l’azienda pensa di venire per dichiarare la riapertura dei licenziamenti noi non ci siamo”.

NARDELLA: OGGI PRIMA RIUNIONE PREPARATORIA A TAVOLO MISE

La lettera di Gkn che annuncia la nuova procedura di licenziamento collettivo “è assolutamente fuori luogo e intempestiva. Ho preso contatto con il dottor Borgomeo, l’advisor incaricato di trovare nuovi investitori. Abbiamo concordato insieme alla Regione una prima riunione oggi, preparatoria del tavolo che ci sarà domani. Avevo infatti preso contatto con la viceministra Todde, insieme ai lavoratori, proprio per avere questo tavolo”. Lo spiega il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a margine di un evento in città.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»