Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rai taglia finale del film ‘La stagione della caccia’. Polemica tra il regista e Bruno Vespa

andrea camilleri
Il regista del film tratto dal libro di Camilleri attacca: "È stato tagliato per non fare andare troppo tardi 'Porta a Porta". Il conduttore: "Non ne sapevo niente, tanta gente si è ridotta allo stato selvatico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Rai taglia il finale del film in prima serata ‘La stagione della caccia’, tratto dall’omonimo romanzo storico di Andrea Camilleri e in onda su Rai 1, e fa infuriare il regista e i telespettatori. Roan Johnson, che ha diretto il film interrotto sul più bello, attacca su Facebook: “Come si fa a commentare il fatto che in prima serata su Rai 1 un film venga tagliato a 15 minuti dalla fine perché – immagino eh – ‘Porta a Porta’ sennò va troppo in là? Come si fa a scusarsi con gli spettatori, con tutti quelli che hanno lavorato al film e con Camilleri? Forse ‘La Stagione Della Caccia’ dovrebbe essere aperta per trovare il responsabile in Rai (che a mio parere è la prima ad essere stata danneggiata ieri sera)”. Il direttore di Rai 1 Stefano Coletta si è scusato per l’episodio, definito “un incidente materiale molto sgradevole” e ha promesso che il tv movie tornerà in onda nei prossimi giorni.

LA REPLICA DI BRUNO VESPA

Un’accusa che a Bruno Vespa proprio non è andata giù. “Solo persone profondamente incompetenti o in clamorosa malafede – dichiara il conduttore di ‘Porta a Porta’ – possono immaginare che io abbia l’autorità o la semplice intenzione di tagliare il programma che precede Porta a Porta per andare in onda in anticipo. Spiace vedere tra queste anche il regista del film di Camilleri, Roan Johnson. Bastava che Johnson telefonasse al produttore Carlo degli Esposti che mi ha chiamato amichevolmente di prima mattina per sapere che cosa fosse successo. E ovviamente gli ho risposto che non ne sapevo niente. Aggredire un professionista prima di avere un briciolo di informazione dimostra lo stato selvatico al quale purtroppo si è ridotta tanta gente“, conclude Vespa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»