Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bassetti: “Su Omicron cortocircuito informativo. Mascherine all’aperto? Sarebbero passo indietro”

matteo bassetti
Soluzione è la vaccinazione. Le aziende farmaceutiche, per ogni vaccino acquistato dai Paesi ricchi dovrebbero donarne uno ai Paesi poveri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Prof. Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sulla variante Omicron “mi pare che abbiamo sostanzialmente ridimensionato un problema che fino a qualche giorno fa sembrava la fine del mondo– ha affermato Bassetti- C’è stato un corto circuito informativo, forse è stato più problematico per la politica e per l’economia che non per i medici. I sudafricani hanno segnalato di aver isolato questa variante, ma ci hanno detto che i sintomi dei pazienti che avevano osservato erano molto lievi. Il virus sta mutando e lo fa in un Paese in cui ci sono pochi vaccinati. Questo significa che bisogna vaccinare e significa anche che, anziché avere sempre una variante che oltre ad essere più contagiosa è anche più rapida nell’evoluzione clinica, questa volta sembra non essere così. Il problema esiste e la soluzione è la vaccinazione, che non può essere solo quella nei Paesi ricchi. Le aziende farmaceutiche, che stanno guadagnando tonnellate di miliardi, per ogni vaccino acquistato dai Paesi ricchi dovrebbero donarne uno ai Paesi poveri. Nella lotta al virus non ci sono Paesi di serie A e di serie B, siamo tutti in Champions League”.

SUI NO VAX

“Chi oggi denigra i vaccini dovrebbe prospettare delle soluzioni alternative. Se ci fosse un’alternativa potremmo anche pensarci, ma non esiste ad oggi. Ci sono le terapie, ma sono complementari, non sostitutive dei vaccini. Senza vaccini non ne usciremo mai”. Sul vaccino ai bambini. “Io mi sento di dire che il vaccino tra i 5 e gli 11 anni è sicuramente un’opportunità. Uno su 7 dei bambini può avere il long covid, quindi il rischio non è zero, anche se non è uguale a quello degli adulti. Le scuole potrebbero diventare più sicure se i bambini fossero vaccinati. E infine questi vaccini potrebbero contribuire all’immunità di gregge che si può raggiungere solo con tutte le fasce di popolazione vaccinate. I genitori, in accordo con i pediatri, decideranno se vaccinare o meno i loro figli. Io se avessi un figlio tra i 5 e gli 11 anni non avrei alcun dubbio a vaccinarlo. Non mi piace che ci siano due pesi e due misure, quando sento dire che tutti gli altri vaccini vanno bene e questo no. È un concetto sbagliato dal punto di vista medico-scientifico. O si è per i vaccini sempre o non lo si è mai”.

BASSETTI CONTRO BUCCI: OBBLIGO DI MASCHERINA È RITORNO INDIETRO

La reintroduzione dell’obbligo di mascherina nelle zone più affollate di Genova “credo che sia un ritorno indietro, personalmente non lo condivido. La posizione di Genova, purtroppo, segue quella di altri sindaci italiani. Io credo che sarebbe stato molto più intelligente, se ci sono delle zone dove c’è veramente tanta calca, pensare a quello che si fa allo stadio e ai concerti con la richiesta di Green pass”, ha dichiarato Bassetti a margine del convegno in Comune per la Giornata mondiale contro l’Aids, criticando il provvedimento annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Marco Bucci, che dovrebbe firmare un’ordinanza nelle prossime ore.

BASSETTI: I VACCINI SALVANO LA VITA, LE MASCHERINE NO

“La reintroduzione dell’obbligo di mascherine all’aperto è un tornare indietro perché il messaggio passato che la mascherina salva la vita è un messaggio molto sbagliato. I vaccini salvano la vita: attenzione a dare questi messaggi perché, poi, le persone non capiscono più quello che noi stessi diciamo”, ha spiegato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»