Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Occupato il liceo Mamiani di Roma: “Sarà protesta costruttiva”

mamiani roma occupato
"Scriveremo al ministro Bianchi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al termine di una serie di assemblee studentesche, ieri in tarda serata anche gli alunni del liceo ‘Mamiani’, storico ginnasio di Roma, hanno occupato il loro istituto. Un’occupazione che non intende interrompere la didattica ma “portare avanti il percorso di mobilitazione volto a manifestare dissenso nei confronti di un sistema scolastico che non soddisfa le nostre esigenze“, spiegano i giovani in un comunicato. Dall’inizio dell’anno scolastico, la protesta studentesca ha coinvolto ormai circa 30 istituti romani.

I giovani chiedono più inclusione nell’ambiente scolastico, contestando le “logiche elitarie della scuola per apparire prima nelle classifiche”; e poi più orientamento universitario, maggiore attenzione all’insegnamento dell’educazione civica, finanziaria e di genere. E maggiore socialità, con più spazi scolastici a disposizione degli studenti e pomeriggi ricreativi, e una didattica diversa, meno teorica, per “toccare con mano ciò che si studia“. Oggi il programma delle lezioni alternative inizierà con un incontro sulle occupazioni nel ’68, poi una lezione sulle discriminazioni di genere e un dibattito sul film ‘Diaz’. Domani si parlerà di ginecologia e femminismo, giornalismo e migrazione. Potranno entrare nella scuola solo gli studenti interni- scrivono gli organizzatori su Instagram- e ad ogni ingresso sarà richiesto il Green pass e si registreranno le presenze, per consentire il tracciamento.

“Troppo spesso le nostre mobilitazioni vengono trattate come un’istanza incontentabile di una classe privilegiata, da parte di un mondo adulto, che non tiene conto che la sfiducia nelle istituzioni e nel futuro, sono di gran lunga l’aspetto più grave- si legge nel comunicato diffuso dagli studenti- per rispondere al luogo comune che denuncia l’occupazione come atto fine a sé stesso, vogliamo dire che non è assolutamente così e infatti, con gli altri licei occupati, scriveremo al ministro dell’Istruzione”. “Siamo consapevoli delle conseguenze che l’occupazione avrà sulla comunità dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola: a coloro che saranno colpiti porgiamo le nostre scuse– scrivono infine i ragazzi e le ragazze del ‘Mamiani’- ci impegneremo per una protesta pulita, nell’interesse, di tutti e per ciò chiediamo a tutti gli studenti il rispetto della nostra scuola“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»