Iran, Mongelli (Fidu): “Djalali trasferito, l’esecuzione è imminente”

Il medico iraniano-svedese Ahmadreza Djalali ha studiato e vissuto in Italia, a Novara
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le autorita’ iraniane stanno trasferendo Ahmadreza Djalali nella prigione di Karaj per eseguire la condanna a morte”. Lo riferisce all’agenzia Dire Eleonora Mongelli, vicepresidente della Federazione italiana diritti umani (Fidu), in merito al caso del cittadino iraniano-svedese condannato a morte in Iran nel 2017 con l’accusa di “spionaggio”.

L’esecuzione del ricercatore esperto in medicina delle emergenze sarebbe secondo le informazioni ottenute da Mongelli “imminente”.

Djalali ha studiato e vissuto in Italia, a Novara, specializzandosi al Crimedim, il Centro di ricerca in medicina dei disastri presso l’Universita’ del Piemonte orientale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»