Tg Ambiente, edizione del 1 dicembre 2020

E' online l'edizione settimanale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– ENEL INVESTE 190 MLD AL 2030, 70 MLD A RINNOVABILI

Una vera e propria ‘major green’. Nel nuovo piano strategico Enel prevede di mobilitare investimenti per 190 miliardi nel periodo 2021-2030, promuovendo la decarbonizzazione, l’elettrificazione dei consumi e le piattaforme per creare valore condiviso e sostenibile per tutti gli stakeholder, oltre redditività di medio e lungo periodo. Per il 2021-2023 Enel prevede di investire direttamente circa 40 miliardi. Un piano che indica una direzione per i prossimi dieci anni, dice l’ad Francesco Starace. 70 miliardi sono destinati alle Rinnovabili, per disporre di circa 120 GigaWatt di capacità ‘green’ installata nel 2030, pari a 2,7 volte l’attuale di circa 45 GW. Nella ‘vision’ al 2030 le emissioni Enel saranno ridotte dell’80%.

– SNAM INVESTE 7,4 MLD AL 2024, CARBON NEUTRAL A 2040

Gas, ma più ‘verde’ e tanto idrogeno. Nel nuovo Piano 2020-2024 Snam si impegna a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2040, in linea con l’Accordo di Parigi. Il piano prevede circa 7,4 miliardi di investimenti, in crescita rispetto ai 6,5 miliardi del piano precedente. Il 50% degli investimenti previsti è dedicato a rendere l’infrastruttura di trasporto del metano ‘hydrogen ready’, cioè pronta a trasportare idrogeno, ipotesi che Snam sta testando da anni. Il piano apre una nuova fase della storia di Snam, vanta l’amministratore delegato Marco Alverà, per una società che nella sfida climatica è ben posizionata per avere un ruolo di abilitatore della transizione energetica, consolidando inoltre, aggiunge, la propria posizione tra i pionieri nello sviluppo dell’idrogeno.

– ARRIVANO I TRENI ALL’IDROGENO, LI PRODUCE ALSTOM

Sulla rete di Trenord arrivano i treni all’idrogeno. Entro il 2023, infatti, sulla linea Brescia-Edolo i treni diesel saranno sostituiti con treni a idrogeno. A produrli sarà Alstom, che fornirà sei treni a celle a combustibile a idrogeno, con opzione per ulteriori otto, a Ferrovie Nord Milano, il principale gruppo di trasporto e mobilità della regione Lombardia, per un importo di circa 160 milioni di euro. I treni saranno prodotti in Italia e la prima consegna è prevista entro 36 mesi dalla data dell’ordine. I nuovi treni a idrogeno saranno basati sul modello regionale ‘Coradia Stream’ già prodotto nei principali siti italiani di Alstom. La versione a idrogeno garantirà le medesime prestazioni operative dei treni diesel, compresa l’autonomia, precisano dalla società.

– CARABINIERI, STOP CO2 CON 63 AUTO ELETTRICHE-IBRIDE

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha consegnato ai Reparti Carabinieri Parco nazionale e Biodiversità 63 autovetture elettriche e ibride che il ministero ha assegnato a seguito del protocollo d’intesa e attuativo con l’Arma. E’ la prima tranche di un lotto da 156 eco-veicoli in totale. Sono state destinate 37 auto elettriche Nissan Leaf e 26 auto ibride Subaru Forester, con la livrea dell’Arma corredata dalla scritta ‘No CO2’ e dal logo del dicastero ambientale. L’attività di sorveglianza e monitoraggio all’interno dei parchi nazionali e delle aree naturalistiche del nostro Paese ha un quid in più: la sostenibilità, ha commentato Costa, che è un generale dei Carabinieri forestali, sostenibilità che è fondamentale nella battaglia globale contro l’aumento delle emissioni di gas serra, ha aggiunto.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»