Mes, Salvini: “Da Conte mi aspetto la verità, se ha tradito o non ha capito”

"Conto sul fatto che M5S non cambi idea per salvare qualche poltrona"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Domani, dall’informativa al Parlamento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul Mes, il segretario della Lega Matteo Salvini si aspetta “la verità”. Salvini, nel corso di una diretta Facebook da Bologna, dice di voler sapere rispetto al Mes “se il presidente del Consiglio ha capito quello che faceva e ha tradito oppure, molto semplicemente, non ha capito quello che stava facendo, perché tutto è possibile”. Quindi, il segretario della Lega dice di aspettarsi da Conte “la verità, penso che sia cambiato tanto dallo scorso agosto quando qualcuno pontificava da professorino e ora deve spiegare tante cose”.

LEGGI ANCHE

Mes, Conte: “Non andremo a casa, spazzeremo via tutte le fesserie che sono state dette”

Di Maio: “Non possiamo firmare il Mes al buio”. Calenda: “Indegno lo scaricabarile fra lui e Salvini”

SALVINI: “CONTO SU M5S, SPERO NON CAMBI IDEA PER SALVARE LE POLTRONE”

Per quel che riguarda il MES “conto sul fatto che M5S non cambi idea, visto che su questo l’hanno sempre pensata come noi, mi auguro che per salvare qualche poltrona non ci sia qualcuno che cambi idea”. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo dice in una diretta Facebook da Bologna.

SALVINI: “MARTEDI’ A BRUXELLES, CHI CEDE NON RAPPRESENTI ITALIA”

“Martedì sarò a Bruxelles perché non voglio che che l’Italia sia rappresentata da qualcuno che cede prima ancora che la battaglia sia cominciata”, prosegue Matteo Salvini, in diretta Facebook da Bologna. “Il nuovo Mes sarebbe un danno enorme per l’Italia e gli italiani– argomenta Salvini- l’unico caso al mondo in cui si toglie a chi ha bisogno per aiutare chi non ha bisogno, i Paesi in difficoltà dovrebbero tirare fuori miliardi per aiutare i Paesi che stanno bene, mi sembra un controsenso, che poi venga da sinistra…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»