Selfie di Salvini con Insigne, fa infuriare i tifosi

"Ma lei non è lo stesso Matteo Salvini che cantò 'Senti che puzza, scappano anche i cani stanno arrivando i napoletani' a Pontida?", gli rispondono.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Galeotto fu il selfie. Quello che il segretario della Lega Matteo Salvini ha scattato in compagnia di Insigne, Callejon e del vicepresidente del Napoli. Poche e innocenti parole, quelle del leader leghista, che tuttavia sui social hanno innescato ironie e polemiche, complice anche la tensione per la partita di questa sera, il big match del campionato tra Napoli e Juve. “Sono per lavoro a Castel Volturno, dove ho incontrato 70 amministratori locali (sindaci, assessori e consiglieri) che porteranno avanti le battaglie della Lega in Campania, grandissimi! E in albergo chi incontro? Insigne, Callejón e il vicepresidente del Napoli, simpaticissimi! Viva il bel calcio”, scrive sui social Matteo Salvini postando la foto del selfie.

E l’ironia impazza sui social: “Ma lei non è lo stesso Matteo Salvini che cantò ‘Senti che puzza, scappano anche i cani stanno arrivando i napoletani’ a Pontida? E oggi abbraccia un napoletano. Allora alzò un bicchiere di birra, e oggi, in quella stessa mano, stringe uno smartphone. Chiamava il suo partito ‘Lega Nord’ e ora lo chiama semplicemente ‘Lega. Viva la bella politica”, scrive un utente di Facebook. Durissimi i commenti dei tifosi del Napoli:

 

Gli fa eco un altro internauta che secco scrive: “L’uomo del Sud non dimentica“. C’è anche chi la prende a ridere: “Insigne a capo del governo, Callejon agli esteri, tu vai a fare il terzino sinistro al Napoli…al vicepresidente soldi e bella vita!” e chi posta un fotomontaggio con i naziskin di Como.

Qui sotto il video che ritrae Salvini a Pontida nel 2009. Il leader della Lega ha ribadito più volte le sue scuse e che si trattava di un coro da tifo calcistico e in un’intervista al Mattino aveva detto “Per quel coro cosa devo fare? Mi metto in ginocchio, vengo in processione…”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»