Colombia, via libera del parlamento all’accordo di pace con Farc

Dopo il Senato il sì dei deputati. Tutto pronto per l'attuazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

colombia

BOGOTA’ – E’ stato approvato a maggioranza assoluta anche dalla Camera dei rappresentanti l’accordo di pace firmato il 24 novembre tra il governo colombiano e le Farc che gia’ martedi’ era stato votato a grande maggioranza dal Senato. L’accordo che pone fine a 52 anni di conflitto armato può ora essere attuato. “Gratitudine al Congresso e speranza di pace per i colombiani” ha scritto il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, sul suo account Twitter.

Novità anche dal fronte del dialogo con l’altra fazione guerrigliera dell’Eln. Da Quito, la capitale dell’Ecuador dove si svolgono le trattative, le delegazioni riprenderanno i colloqui il 10 di gennaio nella speranza che nel frattempo la guerriglia rilasci l’ex deputato Sanchez rapito dall’Eln.

Il tavolo dei negoziati era gia’ pronto dal 27 ottobre ma Santos ha rinviato l’avvio delle trattative in attesa del rilascio del politico ricevendo di contro la risposta del comandante dell’Eln Nicolas Rodriguez Bautista, detto “Gabino”, che ha condizionato la richiesta del governo colombiano rilanciando la grazia per due guerriglieri. “Gabino” ha comunque affermato che l’Eln “continuera’ a incoraggiare in maniera fiduciosa il dialogo”.

di Silvio Mellara, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»