Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tav, Esposito (Pd): “Appendino sia seria, non prenda in giro i torinesi”

Il senatore del Pd attacca il sindaco pentastellato dopo l'annuncio della presentazione di una mozione per uscire dall'osservatorio Tav
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

stefano esposito TORINO – “Il Sindaco Appendino è una persona davvero incredibile. Solo 3 giorni fa ha organizzato, insieme al Presidente Chiamparino, una conferenza stampa per annunciare di aver inviato al Governo la richiesta per sottoscrivere il patto per il Piemonte. All’interno di questo patto sono contenute molte opere figlie della realizzazione della linea ad Alta Velocità Torino-Lione.  Oggi lo stesso Sindaco organizza una conferenza stampa, circondata dai suoi compagni di partito del #m5s per annunciare la presentazione di una mozione per uscire dall’osservatorio Tav”. Lo dice il senatore del Pd Stefano Esposito.

“Quindi- sottolinea Esposito- la signora Appendino vuole i soldi derivanti dal Tav per realizzare gli interventi, utili e necessari, ma contrasta la realizzazione della Torino-Lione? Vorrebbe spiegarci come si conciliano queste 2 esigenze anche a noi? Crede davvero di poter sfottere i torinesi in modo così plateale? In realtà la povera Appendino non sa come gestire la sua maggioranza, poveretti erano convinti di essere stati eletti per realizzare il programma proposto ai cittadini e si ritrovano tutti i giorni un Sindaco che lo smentisce”.

“La Torino-Lione- conclude Esposito- è una infrastruttura che si sta realizzando, nessuna mozione la potrà interrompere, e il Sindaco lo sa bene, però per tenere buoni i suoi consiglieri comunali li fa giocare a fare i No Tav. Se non fossimo gente seria ci si potrebbe ridere su, ma noi siamo gente seria e di fronte ad un Sindaco che crede di prendere in giro i cittadini non ridiamo. Sindaco Appendino sia seria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»