Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Italia da record: Berrettini e Sinner nella top ten del ranking mondiale

jannik sinner federtennis
L'altoatesino entra tra i primi dieci tennisti del mondo a venti anni e due mesi: solo Nadal, Djokovic e Murray ci hanno messo di meno. Berrettini si conferma settimo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(Foto Federtennis)

ROMA – Con l’ingresso ufficiale di Jannik Sinner nella top 10 del ranking mondiale, l’Italia è nella storia. La classifica Atp dei migliori tennisti al mondo registra un solo movimento tra i primi dieci ed è quello che riguarda l’altoatesino, ora nono, secondo azzurro dopo Matteo Berrettini saldamente in settima posizione: per il nostro Paese si tratta della prima volta di due giocatori in top 10.

Il tennista di Sesto Pusteria, a venti anni e due mesi, ha dunque guadagnato due posizioni rispetto alla precedente classifica (in cui era undicesimo) grazie alla semifinale del torneo 500 di Vienna: solo Nadal, Djokovic e Murray erano più giovani di Sinner la loro prima volta in top ten. Federer, invece, aveva sette mesi più dell’azzurro. L’altoatesino tra l’altro è ancora pienamente in corsa per qualificarsi alle Atp Finals di Torino, dove troverebbe proprio Berrettini.

Per quanto riguarda gli altri italiani, quattro passi indietro (scadono i punti della finale di Vienna 2020) per Lorenzo Sonego, al 27esimo posto, e uno per Fabio Fognini (37esimo). Avanza due posizioni Gianluca Mager, adesso al 66esimo posto (eguagliando il suo record personale), subito davanti a Lorenzo Musetti, stabile al numero 67. In progresso di due posizioni Stefano Travaglia (81esimo) e di tre Marco Cecchinato (92esimo), mentre perde tre posti Andreas Seppi, ora appena fuori dalla top 100 (101).

Questa la top ten del ranking Atp: Novak Djokovic (10.340 punti); 2. Danil Medvedev (9.540; 3. Stefanos Tsitsipas (7.840); 4. Alexander Zverev (7.180); 5. Rafael Nadal (5.635); 6. Andrey Rublev (5.150); 7. Matteo Berrettini (4.768); 8. Casper Ruud (3.670); 9. Jannik Sinner (3.395); 10. Hubert Hurkacz (3.366).

RANKING WTA, NUOVO BEST RANKING PER PAOLINI

Per quanto riguarda le donne, Camila Giorgi è sempre stabile al 36esimo posto del ranking Wta pubblicato questa mattina, mentre grazie alla semifinale nel nuovo WTA 250 di Courmayeur Jasmine Paolini ha guadagnato cinque posizioni salendo alla posizione numero 51 e firmando l’ennesimo ‘best ranking’ del 2021. Scivolano indietro di un gradino Martina Trevisan, ora al numero 114, Sara Errani, numero 118, e Lucia Bronzetti, numero 149. Meno 12 in classifica per Elisabetta Cocciaretto, ora numero 153. Fa quattro passi in avanti, grazie agli ottavi di Courmayeur (dove ha perso proprio contro Paolini), Lucrezia Stefanini, che sale al numero 184 siglando un altro primato personale.

Per quanto riguarda la top ten, sempre al comando l’australiana Ashleigh Barty, seguita dalla bielorussa Aryna Sabalenka. Perde il podio la ceca Karolina Pliskova, scalzata dalla connazionale Barbora Krejcikova. New entry l’estone Anett Kontaveit, la tedesca Angelique Kerber e la polacca Iga Swiatek, mentre esce Elina Svitolina, ora 14esima.

Questa la top ten del ranking Wta: Ashleigh Barty (7.701 punti); 2. Aryna Sabalenka (6.150); 3. Barbora Krejcikova (4.708); 4. Karolina Pliskova (4.695); 5. Garbine Muguruza (4.425); 6. Maria Sakkari (3.985); 7. Ons Jabeur (3.455); 8. Anett Kontaveit (3.146); 9. Angelique Kerber (3.320); 10. Iga Swiatek (3.306).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»