Coronavirus, Mattarella ricorda le vittime della pandemia: “Basta egoismi, unire gli sforzi”

Il Presidente della Repubblica nel cimitero di Castegnato, Brescia, dove era stata trafugata una croce di bronzo posta in ricordo delle vittime della pandemia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nei giorni in cui si commemorano i defunti, si e’ recato al Cimitero di Castegnato, in provincia di Brescia, dove ha reso omaggio a tutte le vittime del COVID-19, deponendo una corona di fiori sulla stele dedicata a quanti sono deceduti a causa della pandemia. La lapide, inaugurata lo scorso 6 settembre, era impreziosita da una Croce di bronzo che, nella notte tra il 7 e l’8 settembre, e’ stata trafugata dal cimitero

“In questi giorni dedicati al loro ricordo, sono venuto qui per rivolgere il pensiero a tutti i defunti e, tra di loro, alle vittime del coronavirus; ai tanti morti in solitudine. Ho scelto di farlo in questo cimitero, dove e’ avvenuto il furto ignobile della Croce posta a memoria delle vittime della pandemia”. Cosi’ il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Ricordare i nostri morti e’ un dovere che va affiancato dal dovere della responsabilita’; di proseguire nell’impegno per contrastare e sconfiggere questa malattia cosi’ grave. Mettendo da parte partigianerie, protagonismi, egoismi- sottolinea- per unire gli sforzi, di tutti e di ciascuno – quale che sia il suo ruolo e quale che siano le sue convinzioni – nell’obiettivo comune di difendere la salute delle persone e di assicurare la ripresa del nostro Paese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»