Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli sit-in di sostegno a Mimmo Lucano: “La solidarietà non è reato”

sit-in mimmo lucano-min
Presenti anche gli attivisti di Potere al Popolo e la candidata sindaca di Napoli Alessandra Clemente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “La solidarietà non è un reato. Sosteniamo Mimmo Lucano“. È il manifesto esposto fuori alla prefettura di Napoli, in piazza Plebiscito, dai tanti cittadini che stanno manifestando per esprimere vicinanza all’ex sindaco di Riace. Presenti anche gli attivisti di Potere al Popolo e la candidata sindaca di Napoli Alessandra Clemente. Una analoga iniziativa è in corso nel piccolo comune calabro al centro delle vicende che coinvolgono Lucano.

La condanna a Mimmo Lucano è una sentenza politica e una vergogna civile – denunciano i promotori del sit-in -, la punta dell’iceberg di una crescente criminalizzazione della solidarietà verso i migranti e i rifugiati. Sotto la veste del “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” si sono moltiplicati in questi ultimi anni i procedimenti inquisitori contro chi si dimostra semplicemente solidale verso altri esseri umani, dalle ong che operano per i salvataggi in mare alle tantissime inchieste. Mobilitarsi contro questa assurdità autoritaria e xenofoba è parte della resistenza alla disumanizzazione e all’abbrutimento della cultura sociale e politica di questo Paese”.

LEGGI ANCHE: Condanna Mimmo Lucano, ‘guerra’ sul web tra chi lo sostiene e chi lo accusa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»