Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Programmi e lezioni in tv: Rai e Mi rinnovano collaborazione

mi rai
Accordo strategico per sostenere didattica, l'impegno di Rai Cultura e Rai Ragazzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Rai e il ministero dell’Istruzione rinnovano l’intesa che durante la pandemia ha portato nelle case di ragazzi e ragazze un ricco palinsesto culturale, per sostenere le didattica a distanza. Presentata oggi nella sede Rai di Viale Mazzini a Roma, l’iniziativa ‘L’unione fa la scuola‘ prosegue e si arricchisce anche con le scuole aperte. Nuovi programmi rivolti a istituti, giovani e famiglie, animeranno la programmazione Rai con approfondimenti didattici ma anche spazi scientifici, focus sull’istruzione tecnica e professionale, e racconti sul mondo della scuola.

Quella fra ministero e Rai è una collaborazione preziosa, che mette al centro l’interesse comune. La rilanciamo e la rafforziamo nella convinzione che, anche dopo questa emergenza, insieme al servizio pubblico radiotelevisivo, possiamo continuare a far sì che la scuola resti al centro della vita e dell’interesse del Paese– ha detto in apertura il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi stiamo vivendo un momento eccezionale che dobbiamo cogliere tutti, in qualsiasi parte del Paese: per questo il servizio pubblico è fondamentale. Dobbiamo rivolgerci non solo ai giovani ma anche ai genitori e ai nonni, per recuperare il nostro senso della storia e l’esperienza di maestri che siano in grado di indicare ai giovani percorsi di lavoro e di vita”.

L’Amministratore Delegato Rai, Carlo Fuortes, ha ricordato l’impegno attivato durante la pandemia, che ha permesso, in qualche modo, di “limitare la portata dei colpi che l’emergenza ha inferto all’inclusione sociale”.

Tra le novità della nuova offerta, Rai Cultura proporrà su Rai Scuola ‘Professione Futuro‘, trasmissione dedicata all’orientamento agli Istituti Tecnici e Professionali, in onda tutti i mercoledì alle 11 dal 6 ottobre. Agli Istituti Tecnici Superiori post-diploma guarderà, invece, ‘Cercasi Talento‘, che racconterà questo segmento dell’istruzione attraverso la voce delle ragazze e dei ragazzi iscritti.

Ancora Rai Scuola produrrà una serie di venti puntate sull’innovazione didattica per illustrarne metodologie, contenuti e strumenti in ‘Laboratorio Scuola‘. Confermati anche i programmi dello scorso anno: da martedì 5 ottobre, alle 15.25 su Rai3, e alle 17.50 su Rai Storia, tornano i ‘Maestri‘, con le conversazioni didattiche di Edoardo Camurri con protagonisti della cultura e grandi divulgatori scientifici. Rai Ragazzi rinnova ‘La banda dei fuoriclasse‘ con Mario Acampa (già in onda in diretta dal lunedì al venerdì, alle 15.30 su Rai Gulp) approfondendo scienza e tecnologia, curiosità e innovazione, sperimentazione e assaggi di futuro, con una squadra composta da alcune delle ricercatrici e divulgatrici più affermate nel nostro Paese. Tutta l’offerta Rai è proposta su RaiPlay e sui portali di Rai Cultura e Rai Ragazzi.

“Dall’inizio della pandemia lavoriamo fianco a fianco con il ministero dell’Istruzione– dice Silvia Calandrelli, direttore di Rai Culturala Rai ha fatto scuola e supportato il mondo della scuola, producendo migliaia di lezioni e consentendo una continuità scolastica decisiva in un momento così importante. Tutti noi abbiamo subito una perdita di competente e conoscenze: abbiamo deciso di essere al fianco della scuola e aiutarla per portare tutto il paese in una nuova fase”.

“Come Rai Ragazzi– aggiunge il direttore Luca Milanoci rivolgiamo ai più giovani, fino a 14 anni e con ‘La Banda dei Fuoriclasse’, il programma pomeridiano in diretta di Rai Gulp, proporremo una grande novità: le discipline STEM, scienza, matematica, tecnologia, saranno al centro dell’attenzione. La Banda dei Fuoriclasse si inserisce in una offerta per ragazzi, su Rai Gulp e Rai Yoyo, ricca di contenuti formativi, dai cartoni animati, ai magazine, ai film. Il tema unificante è la consapevolezza di stare tutti sullo stesso pianeta, sulla scia dei 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»