Regeni, Fico: “Dall’Egitto tante promesse, ma nessun fatto”

"In Egitto il divieto di tortura è soltanto una realtà fittizia, i maltrattamenti avvengono ancora e Giulio ne è l'esempio”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In Egitto la giustizia è solo sulla carta, non viene messa in pratica. Niente libertà di espressione e di stampa. Il divieto di tortura è soltanto una realtà fittizia, i maltrattamenti avvengono ancora e Giulio ne è l’esempio”. Così il Presidente della Camera, Roberto Fico, durante la sua lectio magistralis sugli articoli 10 e 27 della Costituzione, tenutasi all’Università di Trieste, parlando alla platea di studenti della scuola di Giulio Regeni, il liceo classico ‘Francesco Petrarca’.

“Sono state fatte tante promesse e dette tante parole- ha proseguito Fico- ma ancora nulla è stato mantenuto. Ho aspettato du mesi dopo il ritorno dall’Egitto. Abbiamo sospeso le relazioni diplomatiche con quello Stato proprio perché non è accaduto nulla”.

L’incontro è avvenuto nell’aula magna dell’ateneo triestino alla presenza dei genitori di Giulio Regeni, del rettore Roberto Di Lenarda e della dirigente scolastica del Liceo Classico Francesco Petrarca, che ringraziando il presidente della Camera, ha sottolineato l’importanza di avere vicino le più alte cariche dello Stato. “Per la famiglia Regeni- ha concluso la dirigente scolastica- il Liceo Petrarca c’è e ci sarà sempre, è una promessa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»