Venerdì arriva a Roma ‘EurHop’, tre giorni dedicati alla birra artigianale

Al Salone delle Fontane, all'Eur, "il pub più lungo d'Europa"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Malti e luppoli pregiati, birrifici artigianali da tutto il mondo invitati a partecipare dopo una rigorosa selezione, ma anche folklore brassicolo e goliardia: è questo lo spirito di ‘EurHop-Roma Beer Festival’, il Salone internazionale della birra artigianale che, dal 4 al 6 ottobre, trasformerà il Salone delle Fontane dell’Eur, a Roma, nel ‘pub più lungo d’Europa’. Due banconi da 45 metri, con 400 spine, vedranno alternarsi le migliori proposte brassicole nazionali e internazionali selezionate da Manuele Colonna, famoso publican romano e tra i maggiori esperti del settore.

LEGGI ANCHE: Arriva Yhop, l’app italiana per gli appassionati di birra artigianale

Con oltre 22mila presenze lo scorso anno, 800 birre artigianali in mescita, più di 20mila litri spillati e 100 produttori, rappresentati dai propri mastri birrai, provenienti da 14 nazioni, la manifestazione, giunta alla sua settima edizione, si è affermata come una delle più importanti d’Europa. La proposta brassicola spazierà dalle più note produzioni delle nazioni di antica tradizione birraria – come Belgio, Germania e Inghilterra – alle protagoniste del rinascimento birrario mondiale – Usa e Danimarca – fino alle originali specialità spillate dai birrai dell’Est Europa e del Portogallo, Paese che sta rapidamente emergendo nel settore della birra artigianale. L’Italia, padrona di casa del festival, sarà rappresentata dai birrifici di 17 regioni, da Nord a Sud, con una vasta gamma di stili e lavorazioni. Dopo anni in cui si è registrata l’affermazione delle Ipa e delle Apa, le produzioni dei mastri birrai nostrani confermano un ritorno alle basse fermentazioni, come Pilsner, Bock e Marzen, non tralasciando l’interesse anche per proposte più ricercate, come quelle dai sentori aciduli. (DIRE) Roma, 1 ott. – In occasione di ‘EurHop’ la Capitale sarà inoltre animata da ‘EurHoff’, il Fuori Salone che coinvolgerà numerosi pub nei quali si terranno eventi, approfondimenti, incontri con esperti del settore, degustazioni. Sarà l’occasione per far conoscere agli amanti della birra artigianale i mastri birrai internazionali più famosi, soprattutto europei e americani. Uno studio condotto dall’agenzia di ricerche di mercato Mintel ha infatti stabilito il primato europeo sugli Usa nella produzione di novità brassicole: l’Europa, con il 52% di nuove birre lanciate sul mercato, supera quelle statunitensi,ferme al 19%. La situazione capovolge quella di pochi anni fa, quando il saldo era a favore dei nordamericani con il 54% di nuove creazioni contro il 29% del vecchio continente. Secondo The Brewers of Europe, con 9.500 birrifici attivi – per tre quarti microbirrifici – l’Europa produce circa 400 milioni di ettolitri l’anno e l’Italia, con i suoi 862 birrifici artigianali, è quarta tra le nazioni con il maggior numero di birrifici. Nessuna sorpresa, invece, tra i ‘campioni’ europei della produzione brassicola artigianale: in vetta restano Germania e Gran Bretagna, seguite dall’emergente Polonia, dalla Spagna, dall’Olanda e dal Belgio. Tra le nazioni che hanno registrato la maggior crescita in termini di produzione c’è l’Italia che, con un +7%, è seconda solo al Portogallo (+8%).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»