Giornale radio sociale, edizione del 1 ottobre 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

​SOCIETA’ – Umani nello spirito. “Non c’è vera accoglienza senza un umanesimo integrale”. Nelle parole del presidente della Cei, Cardinale Gualtiero Bassetti, c’è tutto il messaggio del 28esimo Rapporto Immigrazione promosso da Caritas e Migrantes. Ascoltiamolo. 

INTERNAZIONALE – Bersaglio mobile. Parte a Vienna la prima conferenza internazionale di due giorni dedicata alla discussione del grave impatto umanitario rappresentato dalle armi esplosive nei centri abitati. Novanta Stati, tra cui l’Italia, hanno annunciato la loro partecipazione e il risultato atteso è l’avvio delle negoziazioni per l’adozione di una dichiarazione politica per migliorare i meccanismi di protezione dei civili coinvolti nei conflitti.

ECONOMIA – Pasto vincente. È il Senegal il paese vincitore del Campionato del mondo di cous cous, l’unica competizione che mette insieme paesi di quattro continenti: quello africano, europeo, americano e asiatico, compresi anche Palestina e Israele. La ricetta premiata di Mareme Cisse, che lavora al ristorante Ginger People&Food della cooperativa sociale Al Karub di Agrigento, è stata la più apprezzata dalla giuria tecnica.

DIRITTI – Studi aperti. Tutto pronto per la IV Giornata Nazionale della Psicologia. Dalla prossima settimana, informazioni e iniziative in tutta Italia. Il servizio di Katia Caravello. 

CULTURA – Su il sipario. A Monza il teatro è solidale con il biglietto sospeso. Grazie al teatro binario 7, CSV locale, fondazione e Comune, chi vorrà potrà donare un tagliando acquistandolo al prezzo ridotto di 10 euro. I beneficiari potranno scegliere liberamente lo spettacolo e la data.

SPORT – Fuori rosa. Un messaggio vergognoso, non commentabile e da denunciare e condannare con forza. Come ha giustamente deciso di fare il Grosseto calcio, che ha cacciato Tommaso Casalini, allenatore della squadra dei giovanissimi, perché su Facebook aveva insultato Greta Thunberg. La società lo ha allontanato: “Comportamento non consono alla nostra linea che punta sui valori morali prima ancora che sui valori tecnici”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»