Indonesia, oltre 800 i morti e dopo lo tsunami c’è il rischio di epidemie

L'allarme lanciato da Sutopo Purwo Nugroho portavoce della National Disaster Mitigation Agency
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mancano ruspe e mezzi per la rimozione delle macerie mentre si rafforza il rischio di epidemie: a sottolinearlo oggi Sutopo Purwo Nugroho, portavoce della National Disaster Mitigation Agency, l’ente che coordina gli interventi di soccorso dopo il sisma e lo tsunami che venerdi’ hanno colpito l’Indonesia. Secondo bilanci diffusi questa mattina, nell’area della citta’ di Palu, sulla costa occidentale dell’isola di Sulawesi, le vittime accertate sono gia’ 844. Le autorita’ locali hanno comunicato che, per scongiurare epidemie, hanno cominciato a seppellire i corpi in fosse comuni. Venerdi’ la scossa piu’ potente ha avuto una magnitudo di 7,5 gradi della scala Richter. Fonti concordanti hanno riferito di decine di persone ancora intrappolate tra le macerie degli edifici crollati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»