Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Disabilità, Gorga (Campania Libera): “Attuare legge sul ‘Dopo di noi'”

"I fatti di Soccavo, dove un anziano genitore ha sparato ai 2 figli disabili, uccidendone uno, temendo di non poterli più assistere, sono un monito alla politica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – I fatti di Soccavo “dove un anziano genitore ha sparato ai due figli disabili, uccidendone uno, perche’ temeva di non poterli piu’ assistere, sono un monito alla politica su quanto sia necessario ed urgente dare piena attuazione alla legge sul ‘Dopo di noi'”, e’ l’appello di Clelia Gorga, candidata al Consiglio regionale campano, con la lista Campania Libera e da consigliere comunale di Torre del Greco (Napoli), impegnata in iniziative a favore dei disabili.

Dove la legge 112 del 2016 e’ attecchita – afferma Gorga – sono cresciute le opportunita’ di coabitazione, gli investimenti dei genitori, i nuovi progetti di vita. In molte regioni pero’ le norme sono ancora applicate in via sperimentale. In Campania non tutti i 58 ambiti sociali di zona hanno ancora attuato la legge”. Due le proposte della candidata per andare incontro alle esigenze dei disabili: “Abbattere la burocrazia che rallenta l’iter per accedere ai finanziamenti degli interventi – oltre che – istituire una campagna informativa su base nazionale e territoriale cosi’ da consentire un ricorso piu’ agevole agli strumenti di tutela previsti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»