VIDEO | Regionali Campania, lista Più Europa con De Luca: “Spinga per il Mes”

Lo dichiara Benedetto Della Vedova, segretario nazionale di Più Europa, presentando a Napoli, nel corso di una conferenza stampa la lista che alle prossime regionali sosterrà il governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Una cosa che si puo’ fare meglio in Campania, ma questo vale anche per l’Italia, e’ garantire una Regione con una mentalita’ europea, aperta agli investimenti, all’attuazione di talenti, che guardi all’universita’ e alla ricerca e che veda nell’Europa una grande opzione per la rinascita”. Cosi’ Benedetto Della Vedova, segretario nazionale di Piu’ Europa, presentando a Napoli, nel corso di una conferenza stampa, la lista Piu’ Campania in Europa che corre alle prossime regionali tra gli schieramenti a sostegno del governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca. Piu’ Europa suggerisce, attraverso il segretario del partito, un utilizzo immediato dei fondi del Mes anche in Campania. “Sono una grande occasione – osserva Della Vedova – per la sanita’ e per l’apertura delle scuole. Quello che chiederemo al governatore e’ di spingere anche sul suo partito, che e’ al governo, perche’ finisca questa ipocrisia sul Mes. I campani hanno bisogno di investimenti sulla sanita’ subito per affrontare l’emergenza”. Della Vedova e’ convinto che anche la Campania debba cogliere l’opportunita’ di far parte “del progetto che abbiamo in mente per l’Italia: riforme, innovazione, ricerca, infrastrutture telematiche e fisiche, digitale e ambiente. Piu’ segneremo in termini di sostenibilita’ la nostra economia, piu’ saremo competitivi”. Welfare, occupazione femminile, investimenti in infrastrutture, turismo e industrie grazie a un uso corretto dei fondi europei. Sono questi i temi al centro del programma elettorale di Piu’ Europa, come illustrato dalla capolista a Napoli Carolina Persico. “Deve cambiare quella visione assistenzialista a cui purtroppo ci si e’ abituati – sostiene Persico – in Campania non vogliamo piu’ assistenzialismo ma opportunita’ di crescita e di lavoro. Le capacita’ e le risorse ci sono”. 
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»