Conte: “Buon clima tra Pd e M5s, lavoriamo al programma”

Quello del nuovo Governo "sarà un unico programma condiviso dove sarà difficile distinguere una misura che sta a cuore all’una o all’altra forza politica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pd e M5S “sono due forze che hanno vissuto da antagoniste sul piano politico”, però ora “vedo un buon clima di lavoro. Sono entrambe predisposte ad un progetto comune per il bene del Paese. Sono convinto, e ne ho la riprova, che tutti sono disponibili ad accantonare il passato e a concentrarsi sull’importante progetto che non riguarda le singole forze politiche ma il bene del Paese”. Lo ha detto il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte alla festa del ‘Fatto Quotidiano’, alla Versiliana.

La discontinuità per Conte significa “aprire un’ampia stagione riformatrice per il paese, mettere in primo piano una visione sostenibile, l’economia circolare, l’innovazione tecnologica, la ricerca, l’istruzione. Cose non stratosferiche, che andavano fatte da tempo ma che cercheremo di fare con grande determinazione. Questa è la più grande novità e sfida che possiamo raccogliere”, ha poi spiegato.

“Il tema dei ministri non è la massima premura, ma in questo momento è il programma. Definendo il programma e le linee strategiche inviterò le forze politiche a sedersi intorno a un tavolo e a darmi dei loro suggerimenti, chiederò no indicazioni secche ma indicazioni aperte per consentirmi di scegliere la migliore squadra”, ha proseguito il presidente incaricato.

Conte ha poi ritenuto doveroso fare una precisazione: “Questo è il grande motivo di discussione, ma bisogna attenersi ai dati di fatto: non sono iscritto al M5S, non partecipo alle riunioni del gruppo dirigente politico, non ho mai incontrato i gruppi parlamentari, e mi farebbe piacere incontrarli la prima volta. Definirmi dei 5 stelle mi sembra una formula inappropriata. Rimane il dato che c’è molta vicinanza, li conosco da tempo, lavoro molto bene con loro e in particolare Luigi Di Maio che mi ha designato come presidente”.

All’inizio della prossima settimana, “non lunedi’, ma tra martedi’ massimo mercoledi’ dobbiamo poter chiudere e sciogliere la riserva, confido positivamente”, ha commentato Conte. Che ha aggiunto che quello del nuovo Governo “sarà un unico programma condiviso dove sarà difficile distinguere una misura che sta a cuore all’una o all’altra forza politica”.

“Lavorerò per evitare una squadra tutta maschile e riconoscere al genere un adeguamento riconoscimento”, ha poi concluso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»