Lupo, il Governo boccia il piano regionale del Veneto

Il piano prevedeva una serie di deroghe al regime di protezione del lupo previsto dalla direttiva Ue Habitat
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il ministero dell’Ambiente ha bocciato il Piano regionale sul lupo della Regione Veneto. Ad annunciarlo sono il consigliere regionale Andrea Zanoni e la senatrice Laura Puppato, entrambi del Partito democratico. Il Piano prevedeva “delle deroghe al regime di protezione del lupo previsto dalla direttiva Ue Habitat” come la cattura al fine di spostare i lupi in altre aree più idonee o di tenerli in cattività dopo averli sterilizzati.

Ma “il Piano è stato rigettato da Roma” com’era ovvio, spiegano i due democratici. E ora la Regione si trova ad affrontare l’uscita dal progetto europeo Life WolfAlps, approvata prima della pausa estiva dei lavori tra le proteste delle opposizioni, senza un Piano da attuare. “Se si vuole affrontare il tema del lupo e delle predazioni seriamente, bisogna evitare di agire sotto l’azione dell’emotività utilizzando un approccio scientifico in modo da salvaguardare sia gli animali che gli allevatori”, concludono Zanoni e Puppato.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

LEGGI ANCHE:

Piano lupo, in Veneto via a gruppi per monitorare presenza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»