Praticava l’agopuntura ma non era medico. In 5 anni ha evaso mezzo milione di euro

La Guardia di finanza, che l'ha scoperto, lo ha anche denunciato alla Procura per esercizio abusivo della professione medica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Dichiarava di essere un agopuntore, e negli ultimi cinque anni aveva realizzato, operando in maniera del tutto abusiva a Castel Maggiore, in provincia di Bologna, “un’evasione ai fini delle imposte dirette e dell’Iva di oltre 500.000 euro“. A scovare il finto medico, un uomo di nazonalità cinese, è stata la Guardia di finanza bolognese. L’uomo, spiegano in una nota le Fiamme gialle, “esercitava la propria attività senza avere una laurea in medicina, né alcun titolo o abilitazione riconosciuto dallo Stato italiano”.

In particolare, i militari hanno scoperto, nel corso di una serie di appostamenti, che il falso agopuntore “riceveva abitualmente i propri clienti durante la settimana, dal lunedì al venerdì, fin dalle prime ore del mattino, nel proprio studio di Castel Maggiore”. A quel punto, i finanzieri hanno eseguito un controllo nello studio, nel corso del quale, oltre a “rinvenire la strumentazione necessaria per l’esercizio dell’attività medica”, è stata anche trovata “un’agenda su cui erano indicati gli appuntamenti e i compensi ricevuti, con o senza ricevuta fiscale“.

Questo ha consentito alle Fiamme gialle di ricostruire l’evasione da oltre 500.000 euro realizzata nell’ultimo quinquennio dall’uomo, che è anche stato “deferito alla Procura per l’esercizio abusivo della professione medica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»