Bologna. Detenuto karateka picchia tre agenti penitenziari

Il detenuto è esperto di arti marziali e aveva appena ricevuto un permesso premio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Tre agenti della Polizia penitenziaria sono stati aggrediti, sabato scorso, all’interno del carcere della Dozza da un detenuto esperto di arti marziali. A riferire l’episodio, deprecandolo, è il sindacato del Sappe, polemico sul fatto che al detenuto in questione, “non nuovo a episodi di questo tipo e anche più gravi”, fosse stato concesso un permesso premio. “La reazione violenta- scrivono in una nota Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, e Francesco Campobasso, segretario regionale- sembra essere scaturita dal fatto che il detenuto avrebbe chiesto di parlare con l’ispettore che, in quel momento, non era disponibile, perché impegnato in un altro servizio”.
Carcere

Dei tre agenti malmenati, due hanno avuto una prognosi di cinque giorni e l’altro di dieci. “La cosa che stupisce di più è che oggi quel detenuto sarebbe dovuto andare in permesso”, osservano Durante e Campobasso. Permesso “tra l’altro rifiutato dallo stesso detenuto perchè, a dire delle persone da noi sentite, il giorno non sarebbe stato di suo gradimento”, aggiungono i due sindacalisti, che concludono: “Non conosciamo le motivazioni che hanno indotto a concedere il permesso, ma il comportamento del detenuto non sembra di certo essere meritevole di tale attenzione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»