hamburger menu

Salpata la prima nave carica di grano dal porto di Odessa

Domani, 2 agosto, la nave farà tappa a Istanbul per un'ispezione. Gli accordi prevedono inoltre che il "corridoio del grano" venga monitorato da droni e da un comitato di esperti congiunto

grano
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Ha lasciato il porto di Odessa nella prima mattina di oggi la prima nave carica di grano, in osservanza di un accordo stretto dopo settimane di negoziati con le autorità russe mediato dalla Turchia e dalle Nazioni Unite il mese scorso. A dare la notizia della messa in funzione del cosiddetto corridoio del grano attraverso il Mar Nero, il ministro delle Infrastrutture dell’Ucraina Oleksandr Kubrakov, che ha detto: “Coi nostri partner, l’Ucraina ha intrapreso un altro passo decisivo per prevenire la fame a livello mondiale“. Quindi ha aggiunto che la prima nave cargo diretta verso i porti del Libano – il vascello Razoni, che batte bandiera del Sierra Leone – trasporta 26mila tonnellate di cereali e altri beni alimentari, mentre altre 16 navi stanno aspettando il loro turno per salpare.

Da quando è iniziato il conflitto in Ucraina, il 24 febbraio scorso, la Russia ha interrotto l’export di grano dal paese che figura tra i primi produttori mondiali, generando una grave crisi nella catena degli approvvigionamenti alimentari mondiali che sta creando gravi difficoltà soprattutto nei paesi in via di sviluppo, con scarsità di prodotti di base e impennata dei prezzi, come ha denunciato la Fao a più riprese.
La stampa internazionale riferisce che nei porti ucraini sono bloccati oltre 20 milioni di tonnellate di cereali.

LEGGI ANCHE: A Istanbul raggiunta l’intesa tra Russia e Ucraina per lo sblocco dell’export del grano

PRIMO DIALOGO TRA RUSSIA E AMERICA

Venerdì scorso, per la prima volta dallo scoppio della guerra, i vertici delle diplomazie di Russia e Stati Uniti si sono parlati: il segretario di Stato americano Antony Blinken ha telefonato al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e, oltre discutere del tema dei prigionieri americani in Russia, ha esortato il rappresentante del Cremlino a rispettare l’accordo sul grano, ribadendo che Washington “non riconoscerà mai” le conquiste russe sul suolo ucraino. Lavrov dal canto suo ha ribadito che l’Occidente deve rimuovere le sanzioni sui prodotti agricoli russi nonché porre fine all’invio di armi a Kiev, perché questo “prolunga il conflitto”.

MOSCA: PASSO POSITIVO LA PARTENZA DEL GRANO DA ODESSA

La partenza stamani della prima nave carica di 26 tonnellate di grano ucraino dal porto di Odessa “è un passo molto positivo”: lo hanno dichiarato fonti interne al Cremlino, commentando l’avvio del corridoio del grano frutto di un accordo mediato da Turchia e Nazioni Unite per far riprendere l’export di prodotti cerealicoli ucraini, fermi dall’aggressione russa del 24 febbraio. La nave, che punta verso il porto libanese di Tripoli, compirà una tappa domani, 2 agosto, a Istanbul per un’ispezione, così come hanno riferito dal ministero della Difesa turco. Il controllo è parte delle clausole dell’intesa raggiunta con Mosca, e per maggior sicurezza è previsto anche che il “corridoio del grano” sia monitorato da droni e da un comitato di esperti congiunto con sede a Istanbul.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-02T17:18:54+02:00

Ti potrebbe interessare: