Zingaretti contro Salvini: “Scellerato chi si toglie la mascherina”

"Mascherina, distanza di sicurezza e igiene delle mani, queste sono le cose da fare", dice il segretario del Pd Zingaretti. "E va detto agli scellerati che si tolgono al mascherina per farsi pubblicità"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il tema oggi è non far rialzare la curva. E quindi continuare a dire a tutti, contro gli scellerati che per farsi pubblicità si tolgono la mascherina, che ci sono tre cose semplici che bisogna fare: mascherina, distanza di sicurezza e igiene delle mani”. Lo dice il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in una intervista a fanpage.it riguardo all’emergenza coronavirus.

Secondo il segretario dem “questo è ciò che permetterà di governare la curva dei contagi fino a quando non arriverà il vaccino”.

Abbastanza evidente il riferimento a Matteo Salvini, che nei giorni scorsi ha dato vita a una ‘protesta’, rifiutandosi di indossare la mascherina durante un convegno nella biblioteca del Senato. Sul caso è stata aperta un’istruttoria. Ieri, poi, è arrivato il monito del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha ricordato di “evitare di confondere la libertà con il diritto di far ammalare altri“. 

LEGGI ANCHE:

 VIDEO | No alla mascherina, la ‘protesta’ di Salvini in Senato

Coronavirus, Mattarella e il monito sulla mascherina: “Libertà non è far ammalare gli altri”

SALVINI: “SCELLERATI ACQUISTANO MASCHERINE FANTASMA”

“Zingaretti farebbe bene a non fare battute sulle mascherine. Ci sono scellerati che usano soldi pubblici per comprare mascherine fantasma e infatti sono in fondo alle classifiche di gradimento dei cittadini…“. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»