Bibbiano, insulti sul web a Calvano. Pd: “Clima preoccupante”

Il segretario del Pd dell’Emilia-Romagna confida sui social: “Ho paura”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Insultato per la vicenda di Bibbiano, il segretario del Pd dell’Emilia-Romagna confida sui social: “Ho paura”. Paolo Calvano, che nei giorni scorsi ha querelato chi lo aveva additato in una foto come sindaco di Bibbiano, per il momento non ha denunciato una serie di messaggi privati che gli sono arrivati via Facebook. Ma il consigliere regionale Pd ammette di avere paura e chiede un intervento del Governo contro gli hater.

“Lo dico da uomo e da padre di famiglia- scrive Calvano-. Di fronte a questi messaggi inviati attraverso la rete mi sento privo di ogni tutela ed esposto a manifestazioni di violenze di qualsiasi genere”. “Lancio un grido d’allarme– prosegue ancora Calvano-. Chi si deve occupare della nostra sicurezza faccia qualcosa. Chiedo al Governo del mio paese di non far finta di niente di fronte a questo odio montante e pericoloso per l’incolumità di ciascuno di noi e non si dica poi che tutto ciò non era evitabile o peggio era imponderabile”.

BIBBIANO, PD FA MURO SU CALVANO: “CLIMA PREOCCUPANTE”

“Sono rimasto molto colpito nel leggere minacce ed insulti gratuiti sui profili sociali del collega e segretario regionale Paolo Calvano. A Paolo la mia totale solidarietà, stima e affetto”. Così il capogruppo del Pd in Regione Stefano Caliandro, sulle offese social al collega Pd per il caso Bibbiano. “Spero che nel più breve tempo possibile arrivino adeguate risposte per rassicurare chi è stato oggetto di questa aggressione”, continua Caliandro. “Rimane lo sconforto e lo sconcerto per un clima estremamente preoccupante con connotazioni tipiche dei momenti più bui del nostro recente passato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»