Regione Lazio: “Altri 52 posti letto all’ospedale dei Castelli romani”

Asl Rm6: "E' risposta a domanda salute"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con il decreto del commissario ad acta Nicola Zingaretti numero 321 dell’1 agosto 2019 sono stati aumentati di 52 unità i posti letto in dotazione al nuovo Ospedale dei Castelli di cui 48 posti letto ordinari e i restanti 4 in day surgery. Per quanto riguarda i 48 posti letto ordinari: 15 sono per la medicina generale, 11 per la medicina d’urgenza, 10 per la cardiologia, 4 per neonatologia, 4 per day surgery, 3 per chirurgia generale, 3 per ortopedia e traumatologia e 2 per psichiatria.

Con questo ampliamento il nuovo ospedale dei Castelli a sei mesi dalla sua apertura raggiunge un totale di circa 200 poti letto. “In questi primi sei mesi di attività della struttura- ha commentato l’assessore alla Sanità e l’Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato- tutti gli indicatori sono in crescita sia per quanto riguarda i volumi delle prestazioni che l’aumento del peso specifico delle complessità trattate. Oggi il sistema sanitario del Lazio con l’uscita dal commissariamento torna ad investire sui territori”.

PIÙ POSTI A OSPEDALE CASTELLI, ASL RM6: È RISPOSTA A DOMANDA SALUTE

“Grazie a un incessante lavoro con la Regione Lazio in pochi mesi abbiamo attivato due terzi dei posti letto previsti dalla configurazione a regime (oltre 300) e abbiamo quasi raddoppiato la capacità recettiva con la quale eravamo partiti- dice il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda– il 18 dicembre 2018 si è messa in moto una macchina straordinaria: in sette mesi l’ospedale è diventato il punto di riferimento della sanità pubblica dei Castelli, ha risposto alla domanda di salute del territorio accogliendo e accentrando le attività di due ospedali storici, superandoli, non solo nella quantità di prestazioni erogate, ma anche, e soprattutto, in termini di complessità e qualità. Ringrazio tutto il personale sanitario e gli operatori che stanno contribuendo al raggiungimento di questi risultati”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»