Camorra, 5 arresti in Irpinia: esercitazioni sul manichino prima del delitto

Esponenti del clan Graziano stavano compiendo esercitazioni per poi compiere omicidio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Una serie di omicidi gia’ programmati, tra cui quello della moglie e del figlio di Biagio Cava, storico boss del clan camorristico Cava deceduto nel 2017 dopo oltre un decennio di reclusione in regime di 41 bis. È questo uno dei motivi dell’arresto di 5 persone tra il vallo di Lauro in Campania e la provincia di Verona, eseguiti dai carabinieri del comando provinciale di Avellino su ordine della Procura di Napoli.

Si tratta di Fiore e Salvatore Graziano, fratelli di 46 e 48 anni ritenuti elementi di spicco del clan Graziano, di Domenico Desiderio e Antonio Mazzocchi, imprenditori di onoranze funebri, e Domenico Ludovico Rega, altro esponente del clan Graziano. L’accusa e’ di estorsione aggravata dal metodo mafioso nei settori edile e delle pompe funebri.

Il contesto e’ quello della storica rivalita’ tra il clan Graziano e il clan Cava, entrambi influenti nella valle di Lauro, nell’avellinese. E proprio questa atavica rivalita’ ha fatto emergere anche particolari inquietanti e scenari lugubri. In particolare, la scarcerazione di Salvatore Cava, figlio del capoclan Biagio, avrebbe indotto i Graziano a progettare l’omicidio dello stesso Salvatore Cava e della moglie di Biagio Cava, Rosalba Fusco.

I due dovevano essere ammazzati con un fucile di precisione. Nelle campagne di Quindici (Avellino) i carabinieri Cacciatori Puglia del Gargano hanno rinvenuto un manichino bianco dalle sembianze femminili che presentava anche un cinturino sul punto vita. Il fantoccio era stato colpito in pieno, all’altezza del cuore, da due proiettili sparati con un fucile di precisione. Questo, rende noto la procura, dimostra che gli esponenti del clan Graziano stavano compiendo delle esercitazioni per poi compiere l’efferato delitto.

Era stato anche l’imprenditore Antonio Mazzocchi in alcune occasioni a vantarsi di essere riuscito a nascondere alcune armi nelle campagne di Quindici, riuscendo a sfuggire a qualsiasi controllo. Per la procura, la disponibilita’ di armi nascoste nelle campagne e la possibilita’ di compiere anche esercitazioni per compiere degli omicidi e’ l’espressione di un “odio mai estinto” tra le due cosche. Queste misure cautelari hanno infatti anche un valore preventivo per evitare una nuova escalation di sangue nell’entroterra della Campania.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»