Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Raggi presenta a Tor Bella Monaca i primi 80 nuovi bus

A settembre altri 60 bus, a ottobre tutti e 227
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=xaPF3x7HGhE&feature=youtu.be

ROMA – Sono pronti a entrare in servizio 80 bus della nuova serie Citymood, parte della prima tranche della fornitura di 227 vetture acquistate tramite piattaforma Consip da Roma Capitale.

Le prime 60 entreranno in servizio a partire dal pomeriggio e le altre venti saranno disponibili entro la fine della settimana: l’arrivo dei nuovi mezzi e’ stato festeggiato stamattina dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, con un evento in strada stamattina a Tor Bella Monaca che ha portato a largo Ferruccio Mengaroni cittadini e curiosi, richiamati dalla sfilata di vetture.

“Mettiamo su strada nuovi autobus per rafforzare le linee periferiche della nostra citta’- ha detto Raggi parlando dal palco allestito in piazza per l’occasione- Con queste vetture rinnoviamo e svecchiamo un parco mezzi con un’eta’ media di oltre 12 anni. Da qui ai prossimi mesi, a cascata, saranno in circolazione tutti i 227 bus. Questo vuol dire meno attese alle fermate, collegamenti che funzionano e un servizio migliore per tutti i cittadini. Questo e’ solo il primo passo”. Atac, ha sottolineato la sindaca, “e’ stata salvata per voi e perche’ e’ nostra, abbiamo voluto salvare due aziende con questa operazione: Atac che era sull’orlo del collasso ed Industria Italiana Autobus che ha prodotto i bus”.

Le prime 80 vetture verranno assegnate alle principali rimesse Atac, per consentire una distribuzione omogenea su tutto il territorio cittadino. In particolare, 20 mezzi da 10 metri saranno dislocati ad Acilia, 20 da 12 metri a Grottarossa, 10 da 12 metri a Magliana, 20 da 12 metri a metano a Tor Sapienza e 10 da 12 metri a metano a Tor Pagnotta. I nuovi bus nel corso del mese di agosto verranno utilizzati per svolgere il servizio sostitutivo di superficie delle tratte di metro A interrotte per i lavori sull’infrastruttura. Successivamente verranno utilizzati sulle principali linee della citta’, sia in centro che in periferia, tra le quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, lo 075 e il 508 (zona Tor Bella Monaca), il 98 e il 775 (zona Corviale), lo 063 (zona stazione Acilia), il 309 e il 544 (zona Casal Bruciato).

Entro settembre arriveranno altre 60 vetture, entro ottobre tutti i nuovi bus saranno su strada. Per il presidente di Atac, Paolo Simioni, “con l’arrivo dei nuovi bus attuiamo il principale dei sei pilastri sui quali e’ basato il nostro piano industriale. Si tratta di una buona notizia per l’azienda, che puo’ rafforzare la sua capacita’ reddituale, e per i suoi creditori, ripagati per la fiducia che ci hanno concesso. Ma direi che lo e’ soprattutto per i cittadini romani, per i quali da oggi si puo’ affermare inizi il rilancio lungamente atteso della quantita’ e qualita’ dell’offerta del servizio di superficie nella Capitale.

Entro tre mesi tutti i 227 bus acquistati da Roma Capitale, che ringrazio, saranno su strada a servire i nostri passeggeri. Gli stessi passeggeri che in questi anni hanno dovuto subire una progressiva e costante diminuzione di servizio, per ragioni che abbiamo descritto nel Piano di Concordato e piu’ volte spiegato”.

Ora pero’, ha sottolineato Simioni, “e’ arrivato il momento di lasciarci alle spalle quel passato. L’Atac di oggi non e’ piu’ quella di ieri, che viveva quasi ‘fine a se stessa’, ma somiglia sempre piu’ a quella di domani: un’azienda con al centro il passeggero, economicamente sana, che ricerca sempre maggiore efficienza e produttivita’. Altri nuovi bus arriveranno a partire dal 2020, sia finanziati da Roma Capitale che autofinanziati da Atac: complessivamente la flotta aziendale avra’ circa 700 nuovi bus. Questo percorso non si e’ certo concluso, ma da oggi il trasporto pubblico locale di Roma puo’ guardare con maggiore fiducia al futuro”.

Secondo l’assessore capitolino alla Mobilita’, Linda Meleo, “per la prima volta dopo anni Roma Capitale ha acquistato nuovi mezzi per rinnovare la flotta Atac, un passo in avanti che segna un cambiamento importante nella gestione del trasporto pubblico. Nuovi bus che miglioreranno i collegamenti nelle periferie come Tor Bella Monaca, rendendo la vita piu’ facile a migliaia di utenti della rete di superficie”.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI BUS

La fornitura prevede complessivamente 227 bus, 116 a gasolio (euro 6) da 12 metri e altri 20, sempre a gasolio da 10 metri. Le altre 91 vetture, da 12 metri, sono a metano. I mezzi sono a due e tre porte, hanno tutti la pedana manuale e il posto per i portatori di disabilita’ e contengono fino a 109 posti (i 12 metri a gasolio).

Tutti i mezzi sono dotati di impianto antincendio, videosorveglianza, climatizzatori, sistema Avm di localizzazione e conta passeggeri, monitor multimediali e cartelli indicatori a led. I mezzi sono coperti da una garanzia di cinque anni.

MORBILLO, COPERTURA VACCINALE LONTANA DAL TARGET

Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia. La copertura per la prima dose di vaccino arriva, infatti, solo al 93%, mentre la Provincia Autonoma di Bolzano ha una copertura inferiore al 90%”, secondo quanto risulta dai dati 2018 elaborati dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute.

ONCOLOGIA, PESSION (UNIBO): È CAMBIATA LA STORIA, 80% BIMBI VIVE

“Abbiamo cambiato la storia naturale del cancro in età pediatrica, capovolgendo la prognosi, e oggi oltre l’80% dei casi vive”. Lo fa sapere Andrea Pession, professore di Pediatria all’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna (Unibo), che puntualizza: “In Oncologia pediatrica quando la mia generazione si laureava solo 10 casi su 100 sopravvivevano”. Ma gli obiettivi non finiscono qui.

EMERGENZA, IN ITALIA MANCA TRASPORTO AD HOC BAMBINI GRAVI

Per l’Italia “è l’ora di dotarsi di un sistema di trasporto ad hoc per i bambini in stato di emergenza, che permetta loro di ottenere le migliori possibilità di cura”. A dirlo è Allan De Caen, pediatra dello Stollery Children’s Hospital Edmonton in Canada e giudice dei Pediatric Simulation Games 2019 della Simeup. “È arrivato il momento di dar vita a un team e un servizio specializzato per i bambini in condizioni di emergenza- aggiunge- perché questa opzione esiste per i neonati e per gli adulti, mentre resta escluso chi ha più di un mese e meno di 11 anni”.

SHOCK ANAFILATTICO, SIAIP: DIAGNOSI ERRATA NEL 50% DEI CASI

Diagnosi errata nel 50% dei casi di anafilassi, la grave reazione allergica comunemente conosciuta come ‘shock anafilattico’. È quanto emerge da uno studio epistemologico condotto da Mauro Calvani, responsabile della commissione per le allergie alimentari della Società italiana di immuno-allergologia pediatrica (Siaip).

VIOLENZE PLURIME, CIPOLLA: PEDIATRA PUÒ ESSERE SENTINELLA

Violenze plurime, assistita e di genere. Ecco le nuove frontiere del maltrattamento sui minori secondo Domenico Cipolla, direttore della Uoc di Pediatria dell’Asp di Palermo. Il medico, ascoltato dalla Dire, spazia dal fenomeno migratorio, riletto sotto la lente della vittimizzazione minorile, ai bambini orfani speciali, figli di donne morte per femminicidio. Ma non solo. “C’è tutto l’universo della rete, dove impera il fenomeno dell’adescamento on line, il cosiddetto ‘grooming'”. In questo mondo a tinte fosche un ruolo importante, afferma Cipolla, può essere giocato dal pediatra, vera “sentinella sul territorio”. Ecco la sua proposta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»