Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Carabiniere ucciso, il legale di Hjorth: “Valutiamo istanza al tribunale del Riesame”

Il 19enne americano è accusato di concorso in omicidio per la morte del vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È molto provato, suo papà è venuto ieri e tornerà nei prossimi giorni. Stiamo valutando se fare istanza al tribunale del Riesame”. Lo ha detto, uscendo dal carcere di Regina Coeli, a Roma, dopo un incontro col suo assistito, l’avvocato Fabio Alonzi, il legale di Christian Gabriel Natale Hjorth, il 19enne americano accusato di concorso in omicidio per la morte del vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega.

CARABINIERE UCCISO, SU FOTO AMERICANO BENDATO 2 IPOTESI PER PM

Abuso d’ufficio e rivelazione di segreto d’ufficio. Sono le due ipotesi di lavoro sulle quali si sta muovendo la Procura di Repubblica di Roma in relazione alla foto che ritrae Chistian Gabriel Natale Hjorth, bendato e ammanettato dentro la caserma dei Carabinieri di via in Selci, motivo per il quale è indagato un militare dell’arma. Sulla vicenda indaga anche la Procura Militare, alla quale sono stati inviati gli atti dagli uffici di piazzale Clodio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»