Alan Kurdi, Sea Eye: “Soccorsi in 40, non li riporteremo in Libia”

“Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”: così Barbara Held, attivista dell’ong Sea Eye, sui 40 migranti soccorsi ieri nel Mediterraneo, ora a bordo della Alan Kurdi, la nave dell’ong tedesca. Secondo le informazioni disponibili, diffuse dall’organizzazione attraverso i propri canali social, l’operazione di salvataggio è stata condotta nell’area Search & Rescue (Sar) libica. La Guardia costiera di Tripoli ha indicato come porto di sbarco quello della capitale ma Sea Eye ha respinto l’offerta. “Obbediremo al diritto internazionale e non riporteremo nessuno in un Paese in guerra” la posizione dell’ong. “La Libia non e’ un porto sicuro”. Via e-mail Sea Eye avrebbe anche ricevuto notifica del divieto di ingresso in acque italiane, sulla base delle norme del Decreto sicurezza bis.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»