Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Report della commissione Esteri dell’1 agosto

SAN MARINO - La seduta odierna della Commissione consiliare Affari Esteri prosegue l'ordine del giorno dei lavori interrotto ieri,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – La seduta odierna della Commissione consiliare Affari Esteri prosegue l’ordine del giorno dei lavori interrotto ieri, con l’esame del Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti del fanciullo e passando alle Risoluzioni conclusive della Consulta dei cittadini sammarinesi all’estero. In particolare, si tratta di 5 risoluzioni rimaste “in arretrato” poiché la recente Riforma della legge sulla Consulta ha spostato la competenza per il loro esame dall’ufficio di Presidenza alla Commissione Affari esteri.

Essendo la prima volta che si applica la nuova normativa e trattandosi di più deliberazioni da esaminare, la Commissione ha concordato le modalità organizzative con cui procedere e aggiornato alla prima decade di settembre una nuova seduta apposita, dedicata al riesame delle deliberazioni della Consulta e alla redazione di un riferimento della Commissione stessa da inviare in tempo utile per il secondo appuntamento annuale dell’organismo che raccoglie i rappresentanti della Comunità estere sammarinesi.

I commissari hanno quindi affrontato in un clima collaborativo l’esame del progetto di legge “Istituzione di organismi impegnati nella lotta al terrorismo internazionale” presentato dal Segretario di Stato per gli Affari esteri, Nicola Renzi. Nel corso dell’esame dell’articolato, sono stati presentati 4 emendamenti dal Movimento Rete, di cui uno accolto. Nel giudizio finale, il provvedimento è stato approvato con 8 voti a favore dei commissari di maggioranza, mentre l’opposizione si è astenuta.

Infine, si è passati in seduta segreta all’ultimo punto all’ordine del giorno, il Riferimento del Segretario di Stato per gli Affari Esteri sulla tematica della reciprocità tra Italia e San Marino in merito alla riscossione delle multe e successivo dibattito. Nel suo riferimento, il Segretario ha illustrato ai commissari il problema di lunga data relativo alle procedure e all’iter di notifica di migliaia di pratiche giacenti e spiegato che soluzioni possono essere ricercate a livello bilaterale, coinvolgendo lo Stato italiano ma anche le Amministrazioni locali limitrofe. Si è infine impegnato ad aggiornare la Commissione in caso di novità o evoluzioni sulla materia.

I lavori si sono così conclusi, terminato l’esame di tutti i punti all’ordine del giorno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»